Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Settembre 2014

MEDIO ORIENTE – ( 18 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Caritas Internationalis: ridare speranza e dignità al Medio Oriente

Il Campo profughi ad Al Zaatari in Giordania

 

L’impegno per “un Medio Oriente aperto a tutte le fedi, dove la dignità e i diritti umani siano rispettati e ognuno possa vivere in pace con il proprio vicino”, ha segnato ieri la conclusione di un incontro organizzato a Roma da Caritas Internationalis.

“Il nostro dovere è dare speranza alle comunità del Medio Oriente” ha detto Michel Roy, segretario generale della federazione cattolica. Costante il riferimento – riferisce l’agenzia Misna – alle conseguenze drammatiche dei conflitti nei Territori occupati palestinesi, in Iraq e in Siria. “I cristiani in Terra Santa – ha detto padre Raed Abusahliah, direttore di Caritas Gerusalemme – vivono sotto l’ombra di Cristo sulla Croce, simbolo della sofferenza in Medio Oriente”.

All’incontro, cominciato lunedì, hanno preso parte i rappresentanti Caritas di tutti i Paesi della regione. Centrale è stata la definizione di strategie e interventi a sostegno della popolazione della Striscia di Gaza, colpita dall’offensiva militare di Israele di luglio e agosto, e di minoranze come quella cristiana e yazida, vittime delle violenze commesse in Iraq e in Siria dai combattenti sunniti dello Stato islamico.

Al termine dei lavori, si riferisce in una nota, “è stato approvato un piano di lungo periodo che si concentra sulla cooperazione interreligiosa, la costruzione della pace a livello comunitario, il rafforzamento delle Caritas nazionali e un lavoro più stretto con la Chiesa e altre associazioni religiose”. (R.P.)

 

Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2014/09/18/incontro_caritas_int_ridare_speranza_e_dignità_al_mo/1106754