Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
25 Gennaio 2017

MEDIO ORIENTE – (25 Gennaio 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Medio Oriente: Onu condanna nuovi insediamenti israeliani

Insediamenti ebraici - EPA

Insediamenti ebraici – EPA

Le Nazioni Unite hanno condannato il progetto di Israele, che prevede la costruzione di nuovi insediamenti e l’ampliamento di alcuni di essi nei Territori occupati in Cisgiordania. Un alto funzionario Onu ha affermato che queste “azioni unilaterali” da parte del governo guidato da Benjamin Netanyahu sono un ostacolo alla pace e alla soluzione dei due Stati. Silenzio, invece, alla Casa Bianca – riporta l’agenzia AsiaNews – dove la neo amministrazione Trump non ha voluto commentare la decisione di Israele. 

Annunciato la realizzazione di 2.500 nuove abitazioni
Ieri il premier Netanyahu ha annunciato la realizzazione di 2.500 nuove case – il progetto più imponente degli ultimi anni – in “risposta ai bisogni abitativi”. Si tratta del secondo annuncio di questa natura in pochi giorni; all’indomani del giuramento del neo Presidente Trump, il 20 gennaio scorso, il governo aveva concesso il via libera a centinaia di nuovi insediamenti.

La decisione allontana sempre di più le speranze di pace
Nel pomeriggio di ieri l’approvazione di altre migliaia di unità abitative. Una decisione che ha fatto infuriare i vertici palestinesi, che definiscono sempre più remote le speranze di pace e la possibilità di vedere nascere un futuro Stato sulla loro terra. Hanan Ashrawi, membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) parla di “furto di terre” e di neo “colonialismo”. 

Un negoziato per raggiungere l’obiettivo dei due Stati
Intervenendo sulla questione Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale Onu Antonio Gutierres, sottolinea che “per il Segretario generale non esiste un piano B alla soluzione del due Stati”. In questo senso, aggiunge, “ogni azione unilaterale” che può essere un “ostacolo” all’obiettivo finale è fonte di “grave preoccupazione”. “È necessario – conclude – che le due parti si impegnino in un autentico negoziato per raggiungere l’obiettivo dei due Stati, per due popoli”. A parole, nei giorni scorsi, Netanyahu ha affermato di voler perseguire ancora l’obiettivo dei due Stati; in realtà, egli ha impresso una accelerazione mai vista prima alle colonie che rischiano di distruggere o impossessarsi dello spazio fisico e geografico per la nascita di un futuro Stato palestinese. 

Sotto il governo Netanyahu, un considerevole incremento delle colonie israeliane
Nel 2015 almeno 15mila nuovi coloni si sono trasferitisi nella West Bank. Secondo l’organizzazione Peace Now nel 2016 l’amministrazione israeliana ha dato il via libera a 2.623 nuovi insediamenti. Fra questi vi sono 756 case abusive e “legalizzate” a posteriori. Ad oggi almeno 570mila cittadini israeliani vivono in oltre 130 insediamenti costruiti da Israele a partire dal 1967, data di inizio dell’occupazione e cresciuti a ritmo esponenziale negli ultimi tempi grazie alla politica del governo israeliano. Agli insediamenti si aggiungono anche almeno 97 avamposti, considerati illegali non solo dal diritto internazionale ma dallo stesso governo israeliano. (R.P.)

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2017/01/25/medio_oriente_onu_condanna_nuovi_insediamenti_israeliani/1288092