Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
9 Giugno 2017

MEDIO ORIENTE – (9 Giugno 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Iran: fonte Sir, “in Medio Oriente sta prendendo forma un regolamento di conti tra schieramenti contrapposti”

“È stato scritto che in Medio Oriente sta prendendo forma un regolamento di conti tra schieramenti contrapposti ed è a questo scontro che bisogna guardare se si vuole comprendere quali dinamiche rischiano di infiammare ancora di più tutta la regione”. Raggiunta dal Sir, una fonte che preferisce rimanere anonima fa il punto di quanto è successo due giorni fa a Teheran, dove un duplice attentato ha provocato la morte di 13 persone e il ferimento di 52. La situazione sta lentamente ritornando alla normalità. “Dopo momenti di incredulità, di paura e di confusione – racconta l’interlocutore -, le forze di sicurezza hanno ripreso subito il controllo completo della situazione che è apparsa ed è abbastanza tranquilla. Non credo che regni la paura e il terrore in città e non si rilevano misure eccezionali di sicurezza se non nei luoghi più a rischio come la metropolitana e gli aeroporti”. “Negli ultimi mesi ci sono stati segnali di possibili attacchi e l’allerta era alta. Anche se le notizie erano coperte da riserbo, sembra che almeno cinque attentati siano stati sventati nelle zone di confine con il Pakistan, l’Afghanistan e l’Iraq. Il 7 giugno ha dimostrato come questi timori fossero purtroppo ben fondati”.

Ma perché colpire l’Iran in questo momento? “Perché – risponde l’interlocutore del Sir – gli attentati sono maturati nell’attuale contesto che abbiamo di fronte a noi, ove vediamo una contrapposizione violenta ed una accesa competizione tra le diverse ideologie politiche e religiose. E’ semplicemente da matti immaginare – anche lontanamente – che si arrivi ad uno scontro frontale tra le parti contrapposte, uno scontro che non deve essere alimentato da nessuno e che, purtroppo, recenti dichiarazioni lasciano sgomenti perché vanno in tutt’altra direzione!”. L’auspicio finale è legato al mese sacro del Ramadan: “Staremo a vedere oggi, venerdì, quale messaggio risuonerà nelle moschee di Teheran e del Paese dai pulpiti della preghiera. Io mi auguro che sia un messaggio di pace per la quale tutti dobbiamo lavorare e crederci!”.

Il testo originale e completo si trova su:

https://agensir.it/quotidiano/2017/6/9/iran-fonte-sir-in-medio-oriente-sta-prendendo-forma-un-regolamento-di-conti-tra-schieramenti-contrapposti/