Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Marzo 2012

NIGERIA – ( 11 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Nigeria. Attacco a una Chiesa e rappresaglia. Il vescovo di Same: paura di contagio estremista in Tanzania


Nuovo attacco in Nigeria contro la comunità cattolica. Secondo un bilancio ancora provvisorio, almeno 3 persone, ma c’è chi riferisce di 10, sono morte e diverse sono rimaste ferite in un attentato kamikaze contro una chiesa della città di Jos, capoluogo dello Stato federato di Plateau. In base ad una prima ricostruzione, l’attentatore suicida si è lanciato contro la chiesa situata nel centro della città a bordo di un’auto piena di esplosivo. Dopo l’attacco, secondo fonti locali, si sarebbero verificate alcune azioni di rappresaglia da parte di giovani cristiani in cui avrebbero perso la vita almeno 10 persone.

Intanto, dalla Tanzania, giunge la preoccupazione di mons. Rogatus Kimaryo, vescovo di Same, nel nord del Paese, a proposito dei timori di un possibile contagio del fondamentalismo islamico di matrice nigeriana. A darne notizia è ‘Aiuto alla Chiesa che soffre’, che ricorda come i 45 milioni di tanzanesi siano “cristiani per il 53 per cento – tra questi 12 milioni di cattolici – musulmani per il 32 per cento e animisti per il 13 per cento”. Fino ad oggi la coesistenza tra musulmani e cristiani è stata “all’insegna di una completa armonia”, ma gli scontri in Nigeria e gli attentati degli estremisti islamici Boko Haram allarmano la comunità cristiana della Tanzania. Giada Aquilino ne ha parlato proprio con mons. Rogatus Kimaryo, raggiunto telefonicamente a Same:RealAudioMP3 

R. – Nel mio Paese, dall’indipendenza ad oggi, abbiamo sperimentato un clima di pace. Da una decina d’anni in qua, però, ci sono dei gruppi di fondamentalisti musulmani che vanno in giro, parlano male dei cristiani, anche della Chiesa cattolica. Ci accusano di approfittare degli aiuti del governo e della ricchezza del Paese. Questi sono gruppi fondamentalisti. Ci sono stati episodi di scontri, anche se di lieve entità, a Dar es-Salaam.

D. – Pensa che quello che sta succedendo in Nigeria possa ripercuotersi anche in Tanzania e in altre nazioni africane?

R. – Abbiamo questa paura perché se succede qualcosa in un Paese può facilmente diffondersi negli altri Stati africani. Quindi quello che sta accadendo in Nigeria con i Boko Haram è pericoloso, io stesso ho paura. Dobbiamo incontrare i leader politici, i leader musulmani per dialogare su queste vicende.

D. – Ma fino ad oggi la coesistenza tra musulmani e cristiani in Tanzania come è stata?

R. – La Tanzania è un Paese che ha sempre vissuto in pace, grazie al padre della patria – il nostro primo presidente, Nyerere – che si è prodigato per la pace e la giustizia, sperimentandole nella vita. C’è insomma una base di rispetto. Ma ci sono pure questi gruppi che iniziano a portare una tensione che potrebbe trasformarsi in un grande problema per il nostro Paese.

D. – Come lei ha detto, si tratta di fazioni isolate di estremisti. Allora il dialogo per dove può passare?

R. – Prima di intraprendere un dialogo, penso che il governo debba essere molto chiaro su questo: il rispetto della religione dell’altro. Il nostro è un Paese laico, che non ha una religione ufficiale; ma le persone professano la loro fede. Allora il governo e i parlamentari devono essere chiari su questo aspetto. Poi bisogna dialogare con i leader della religione musulmana, auspicando che questi dialoghino con tali fondamentalisti.

D. – Come è impegnata la Chiesa locale nel dialogo con i musulmani?

R. – A livello di Conferenza episcopale abbiamo un ufficio che è responsabile di portare avanti il dialogo per avvicinarsi ai musulmani, alle altre religioni, agli altri gruppi cristiani. La nostra gente vive in modo molto semplice, nel senso che nello stesso villaggio, nella stessa casa, ci sono membri di più comunità: ci sono musulmani e ci sono cristiani che sono cattolici, per esempio. La nostra vita quotidiana è vissuta in amicizia. Ma in mezzo a ciò, c’è una lacuna, qualcosa che manca: quando sono attivi gruppi fondamentalisti, come si arriva a parlare con loro? Perché sono fondamentalisti? È il governo che deve seguire tali formazioni. C’è paura che possano, a poco a poco, minare la pace.

D. – Qual è allora il suo augurio per il futuro della Tanzania e della sua diocesi?

R. – L’auspicio è che continuiamo a vivere la nostra fede in un clima di pace, di tolleranza insieme a tutti. Se non c’è la pace, viene meno anche quella situazione di rispetto verso Dio, verso gli altri, verso la natura. Facciamo un passo avanti verso l’altro: noi cattolici dobbiamo mostrare interesse verso le altre religioni e viceversa; così anche i leader musulmani. (bi)

Il testo completo si trova su:

http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=569586