Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
9 Maggio 2013

NIGERIA – ( 9 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Nigeria nella violenza. Il card. Onaiyekan: governo sottovaluta Boko Haram



Nigeria in primo piano nelle cronache dei conflitti armati. Negli ultimi giorni, 28 poliziotti sono stati uccisi nello Stato centrale di Nasarawa in un attacco sferrato dalle milizia tribale Ombatse, mentre altre 55 vittime tra civili e forze dell’ordine si contano nello Stato nordorientale di Borno per mano degli estremisti islamici di Boko Haram. La frangia terroristica – cui va imputata anche la decapitazione di due predicatori musulmani contrari alla violenza – persegue il progetto di voler islamizzare l’intero Paese. In evidente difficoltà il presidente cattolico, Goodluck Jonathan, nel pacificare il Paese. Roberta Gisotti ha intervistato il cardinale John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja:RealAudioMP3

R. – Ciò che mi preoccupa è che sembra stiano crescendo le attività di questo gruppo. Hanno attaccato persino un campo dell’Esercito nigeriano. Questo prova i timori che abbiamo sempre espresso fin dall’inizio, che non si tratta solo di musulmani che uccidono i cristiani, ma piuttosto che nel loro mirino vi sia tutto lo Stato nigeriano: vogliono distruggere lo Stato nigeriano. E adesso si vede che le vittime degli ultimi attacchi non sono i cristiani, ma la povera gente e gli agenti di sicurezza del governo nigeriano. Questo significa che se il governo non cerca un modo migliore per fermare questi attacchi, non si sa che fine farà. Purtroppo, il metodo usato fino adesso, secondo me, è controproducente, specialmente quando i soldati usano misure sicuramente inaccettabili persino nel trattare i Boko Haram e nel rastrellamento generale dei giovani. Tutti sono sospettati di appartenere al gruppo. Questo modo di agire, purtroppo, sembra riempire ancora di più il gruppo di quelli che sostengono Boko Haram, che adesso, dunque, sono arrabbiati anche nei confronti dei nostri soldati.

D. – Il governo non gode, quindi, di un appoggio totale da parte della popolazione che, a quanto lei mi sta dicendo, è fortemente impaurita, frastornata…

R. – Io parlo piuttosto della capacità del governo di prendere le decisioni necessarie e di agire di conseguenza. Non mi sembra venga riconosciuta la gravità della situazione. Adesso, forse, con l’attacco alla base militare cominceranno a pensare seriamente in questo senso. Non dico che la risposta debba essere solo militare. Si deve trovare anche un modo per dialogare, se non con il gruppo, almeno con quelli che li capiscono, quelli con i quali possiamo cominciare a cercare una soluzione pacifica, si può anche dire politica, della situazione. Infatti, lo scopo politico che questa gente ha espresso è quello che la Nigeria debba diventare un Paese islamico. Questo non è possibile e si deve trovare qualcuno che possa far capire loro che questo scopo non è raggiungibile.

D. – E’ caduta nel vuoto l’offerta agli inizi di aprile, da parte del presidente nigeriano Jonathan, di un’amnistia?

R. – E’ stato un grande equivoco. Cosa vuol dire amnistia? E’ caduta nel vuoto non solo per Boko Haram, ma anche per la popolazione nigeriana, specialmente per i tanti cristiani che si chiedono cosa voglia dire amnistia. Questo modo di agire, secondo me, è sbagliato. L’amnistia dovrebbe intendersi come un perdono a qualcuno che è pentito. Ma con chi non è pentito e crede di seguire la strada giusta, allora non ha senso parlare di amnistia. Si può sperare solo che qualcuno di loro, visto che sono tanti in questa avventura, si stanchi e voglia integrarsi nella vita normale nigeriana. In questo caso, si potrebbe offrire l’amnistia, ma non dare soldi, promettere tanti vantaggi, come fossero un premio per ciò che hanno fatto.

D. – Ci sarebbe forse bisogno di una mediazione internazionale a sostegno di questa opera di pacificazione in Nigeria?

R. – Si potrebbe parlare di mediazione internazionale, se il nostro governo avesse un piano chiaro, ma io non vedo la chiarezza dei loro piani. C’è un Comitato di amnistia con tanti musulmani, che sta ancora lavorando, ma il loro lavoro sembra non aver fermato l’attività di quelli che sparano.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/05/09/nigeria_nella_violenza._il_card._onaiyekan:_governo_sottovaluta_bok/it1-690523
 

del sito Radio Vaticana