Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
16 Gennaio 2018

PAKISTAN – (16 Gennaio 2018)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
PAKISTAN

‘Il prossimo non voglio essere io’: bambini contro lo stupro e l’omicidio della piccola Zainab (Foto)

Shafique Khokhar

La Cecil & Iris Chaudhry Foundation organizza una manifestazione a Lahore. Le violenze sessuali ai danni dei minori sono una piaga per il Pakistan. Una serie di proposte per la protezione dei piccoli indifesi.

Lahore (AsiaNews) – “Il prossimo non voglio essere io”. È lo slogan scritto su alcuni cartelloni e portato dai bambini del Pakistan, che il 14 gennaio si sono riuniti insieme a genitori e attivisti a Lahore per manifestare contro l’omicidio della piccola Zainab, morta a soli sette anni dopo essere stata violentata e torturata a Kasur (Punjab). La marcia di protesta era organizzata dalla Cecil & Iris Chaudhry Foundation (Cicf). Alle autorità, fondazione e manifestanti chiedono che “il responsabile di questo crimine venga assicurato alla giustizia al più presto, giustizia per le vittime e protezione dei minori”.

La manifestazione si è svolta al Liberty Market Roundabout, nella capitale del Punjab. Vi hanno partecipato persone di ogni estrazione sociale, che si oppongono all’abuso sessuale contro i più piccoli, diventata una vera piaga per il Paese. Il feroce assassinio della piccola Zainab, ancora senza colpevole, ha provocato un’ondata di sdegno in tutta la popolazione. Sulla vicenda si è espressa anche la Commissione nazionale Giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, che ha chiesto leggi e politiche in favore dei bambini.

Michelle Chaudhry, presidente della Cicf, afferma: “Ancora una volta il Pakistan ha fallito nel proteggere i propri figli, siamo molto più che inorriditi per il brutale incidente. È indispensabile che le autorità creino politiche efficaci per la protezione dei minori, che salvaguardino e proteggano ogni singolo bambino di questo Paese”.

A tal proposito, la fondazione lancia una serie di proposte: “Rafforzare l’Ufficio per la protezione dei minori; da parte del governo, riconoscere la necessità di una legislazione separata per minori devastati senza pietà da abusi e stupri e stabilire una commissione giudiziaria che sviluppi una legislazione in materia di abuso e pedo-pornografia; creare centri di recupero in tutti gli ospedali governativi per bambini abusati e genitori afflitti; rendere obbligatori i corsi di educazione sessuale contro le violenze in tutte le madrasse e scuole private; prevedere un sistema di giustizia orizzontale che faciliti [la registrazione] delle denunce, invece di perdere tempo, [cosa che favorisce] i criminali”.

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-1
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-1

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-2
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-2

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-3
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-3

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-4
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-4

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-5
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-5

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-6
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-6

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-7
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-7

Bambini del Pakistan contro l'omicidio della piccola Zainab-8
Bambini del Pakistan contro l’omicidio della piccola Zainab-8
http://www.asianews.it/notizie-it/Il-prossimo-non-voglio-essere-io:-bambini-contro-lo-stupro-e-lomicidio-della-piccola-Zainab-(Foto)-42843.html