Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Gennaio 2013

PAKISTAN – ( 23 Gennaio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
PAKISTAN
 
Difese Asia Bibi, gli islamisti chiedono rimozione dell’ambasciatrice negli Usa
 
 
 
 
 
Liaqat Baloch, segretario generale del partito islamico conservatore pachistano Jamaat-e-Islami, ha chiesto la rimozione dall’incarico dell’ambasciatrice negli Usa, Sherry Rehman, che avrebbe chiesto asilo a Washington a causa di un processo di blasfemia aperto nei suoi confronti. Lo riferisce il quotidiano The News International di Islamabad.

La settimana scorsa la Corte Suprema ha ritenuto ammissibile un ricorso di un cittadino di Lahore che ha denunciato la Rehman per aver criticato oltre due anni fa in un programma televisivo la legge pachistana sulla blasfemia in base a cui è stata condannata a morte la madre cristiana Asia Bibi.

Durante una riunione ieri del Comitato di coordinamento del partito, che ha legami con i Fratelli Musulmani mediorientali, Baloch ha sostenuto che l’ambasciatrice ha provato di essere fedele agli Usa e non al Pakistan, chiedendo asilo nonostante l’incarico diplomatico attribuitole.

Nel 2011 la Rehman fu minacciata di morte dai talebani per aver presentato una legge di modifica agli articoli del codice penale indiano sulla blasfemia che contemplano pene pesantissime, compresa la pena capitale, per chi offende il Corano ed il profeta Maometto.


 
Il testo completo si trova su: