Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
5 Dicembre 2011

PAKISTAN – (5 Dicembre)

Pakistan: a Faisalabad leader cristiani e musulmani rilanciano il cammino di pace
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Leader religiosi cristiani e musulmani, uniti, lavorano per promuovere l’armonia interconfessionale in Pakistan: in un incontro comune essi hanno sottolineato il bisogno di “unità” e “riconciliazione”, per costruire una “cultura di pace” nel Paese. Al contempo invitano il governo a prendere “provvedimenti decisi” contro frange estremiste e terroriste, che “inneggiano al conflitto, all’odio, alla paura e al terrore in seno alla società”. È quanto emerge da un seminario organizzato nei giorni scorsi in occasione del mese sacro musulmano di Muharram-ul-Haram, che culminerà domani 6 dicembre nella festa dell’ashura (cade il 10mo giorno e, per la comunità sciita, coincide con il “lutto” per il martirio dell’imam Husayn) . L’incontro islamo-cristiano – riferisce l’agenzia AsiaNews – si è tenuto nella curia vescovile di Faisalabad (nel Punjab), con il patrocinio della Commissione diocesana per il dialogo interreligioso e del Comitato per la pace interreligiosa. All’evento hanno partecipato sacerdoti cattolici, leader religiosi musulmani, catechisti, funzionari di polizia e membri della società civile. Durante il seminario, i relatori hanno letto dei passi della Bibbia e del Corano dove viene esaltato il valore della pace; a seguire, vi sono stati momenti di “speciali preghiere comuni”. Il vescovo di Faisalabad mons. Joseph Coutts ha sottolineato che la città è “emblema di pace nel Paese”, perché “se creiamo condizioni di pace in città, non vi sono dubbi che essa prevarrà anche nel resto della nazione”. Il prelato invita a promuovere “pace e armonia mediante i nostri gesti”, perché “le azioni dicono più delle parole”. Il mufti Nusar Ullah Aziz ricorda gli “sforzi immensi” compiuti dagli antenati per garantire la pace a Faisalabad e invita tutti i leader religiosi a istillare “pace e tolleranza reciproca” per mantenere “l’armonia in città”. Il mullah Tahir ul Hasan celebra “il sangue versato” per costruire la pace (mentre in altre parti del Paese si susseguivano attentati e violenze) e conferma l’impegno al sacrificio per mantenere una convivenza armoniosa fra le fedi. Il mullah Muhammad Yousaf sottolinea la presenza di leader religiosi musulmani in una chiesa – l’incontro si è tenuto nella curia di Faisalabad – conseguenza “del processo di pace”, oltre che “esempio di armonia e legami forti tra noi, nonostante le diverse estrazioni religiose”. Pir Muhammad Ibrahim, presidente del Comitato interreligioso, ricorda l’impegno volto a proteggere in cristiani, in situazioni di violenza o di minacce verso la minoranza religiosa. Da ultimo è intervenuto padre Aftab James Paul, direttore della Commissione diocesana per il dialogo interreligioso, che ha ricordato la necessità di garantire “un’atmosfera di pace e rispetto reciproco, a dispetto delle differenze, perché la sopravvivenza dell’essere umano poggia sulla tolleranza, la solidarietà e l’armonia”. (R.P.)

Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/articolo.asp?c=543614