Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
7 Ottobre 2020

PAKISTAN – (7 Ottobre 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Assolto un cristiano accusato falsamente di blasfemia. Ora si chiede giustizia per la violenza commessa alla Joseph Colony

mercoledì, 7 ottobre 2020 blasfemia   cristianesimo   minoranze religiose   libertà religiosa   islam   violenza   diritti umani  

Lahore (Agenzia Fides) – Sawan Masih, l’uomo cristiano che era stato falsamente accusato di blasfemia nel 2013, è stato assolto ieri, 6 ottobre 2020, dalla Corte di appello di Lahore. Come appreso dall’Agenzia Fides, dopo 7 anni di carcere e una sentenza di condanna in primo grado, la Corte ha riconosciuto che Sawan era stato falsamente implicato in questo caso con intenzioni illecite dalla mafia legata al “land grabbing”, prosciogliendolo da ogni accusa e disponendone l’immediato rilascio.
L’avvocato della difesa ha sottolineato il fatto che esisteva un ritardo di trentaquattro ore tra il presunto reato di blasfemia e la denuncia presentata alla polizia: questo elemento va a confermare la tesi di un’accusa orchestrata a tavolino per incastrare l’uomo, abusando della legge sulla blasfemia. Inoltre, i testimoni chiamati in causa per convalidare le accuse di blasfemia, hanno reso dichiarazioni contraddittorie e non coerenti. Basandosi su questi elementi, il giudice ha ribaltato la sentenza di primo grado.
Sawan Masih è stato accusato di blasfemia nel marzo 2013. In seguito al suo caso, oltre 178 case del quartiere cristiano Joseph Colony a Lahore furono bruciate da una folla di musulmani. Nel 2014 è giunta la condanna a morte per blasfemia (vedi Fides 4/4/2014), mentre nessun musulmano è stato ancora punito per la devastazione compiuta nel quartiere cristiano. L’uomo dall’aprile del 2014 era nel braccio della morte nel carcere di Faisalabad ma “restava fiducioso sulla sua liberazione e sulla sua salvezza” dice, in una nota inviata all’Agenzia Fides, il cristiano Joseph Francis, leader dell’Ong CLAAS (Centre for Legal Aid Assistance & Settlement) che segue e assiste casi di cristiani discriminati o bisognosi di assistenza legale in Pakistan. Afferma a Fides l’Ong CLAAS: “Siamo estremamente orgogliosi e felici perchè oggi, dopo otto anni di incessante impegno, è stata resa giustizia a un uomo innocente. Continuiamo a lavorare per tutti i cristiani accusati ingiustamente, vittime di una legge draconiana che andrebbe modificata per evitare gli abusi”. Masih ha detto di aver pregato ogni giorno in carcere “per i giudici, perché Dio infondesse in loro coraggio, e potessero applicare la vera giustizia nelle loro decisioni”.
Ricorda all’Agenzia Fides il Domenicano p. James Channan, Direttore del “Peace Center” a Lahore: “I cristiani, così come gli induisti e altri membri di fedi minoritarie, in Pakistan sono oggetto di discriminazione e ingiustizie che si consumano spesso sfruttando in modo scorretto le leggi sulla blasfemia, causando poi attacchi gratuiti e immotivati sulle comunità cristiane innocenti. Grazie ai buoni rapporti con leader musulmani, come Abdul Khabir Azad, l’imam della Moschea reale di Lahore, abbiamo lavorato insieme per risolvere situazioni di tensione, come l’attacco al quartiere cristiano ‘Joseph Colony’ nel cuore di Lahore, a marzo 2013. Siamo grati alla Corte per aver prosciolto reso la libertà a Masih, riconoscendone l’innocenza. Ora occorre rendere giustizia alle famiglie che persero le loro case e proprietà, nelle aggressione generata da una falsa accusa di blasfemia verso Sawan Masih”.
Vi sono attualmente almeno 80 persone in prigione in Pakistan per il reato di “blasfemia”, e almeno la metà di loro rischia l’ergastolo o la pena di morte. Le persone accusate in base alle legge sono principalmente musulmani, in un paese in cui il 98% della popolazione segue l’Islam ma, come notano la gli attivisti cristiani della Commissione “Giustizia e pace” dei Vescovi cattolici pakistani, “la legge prende di mira in modo sproporzionato membri di minoranze religiose come cristiani e indù”.
non va sottovalutato il caso di esecuzioni extragiudiziali, dato che leader radicali esortano i militanti a “farsi giustizia da soli”, uccidendo persone ritenute colpevoli di blasfemia, anche se non sono condannate in tribunale o sono accusate falsamente. Secondo la Ong “Centro per la giustizia sociale”, fondata e guidata dal cattolico pakistano Peter Jacob, a partire dal dal 1990, almeno 77 persone sono state uccise in esecuzioni extragiudiziali, in relazione ad accuse di blasfemia: tra gli uccisi vi sono persone accusate di blasfemia, i loro familiari, avvocati e giudici che hanno assolto gli accusati del reato.
(PA) (Agenzia Fides 7/10/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://fides.org/it/news/68783-ASIA_PAKISTAN_Assolto_un_cristiano_accusato_falsamente_di_blasfemia_Ora_si_chiede_giustizia_per_la_violenza_commessa_alla_Joseph_Colony