Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
7 Settembre 2013

PAPA/ARMENI – ( 8 Settembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Gli Armeni con il Papa
 

 

La comunità armena di Roma si unisce all’appello di papa Francesco. Ad Aleppo e in Siria, teatro del genocidio armeno del 1915, è presente ancora una forte comunità armena.
marco tosatti

Quasi un secolo fa i deserti della Siria, e Aleppo, erano testimoni del genocidio degli Armeni, voluto dal governo turco dell’epoca. 

 Quegli stessi luoghi che ancora nascondono le ossa delle centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini sterminati nel primo genocidio del secolo dei genocidi vedono adesso altro sangue, e di nuovo la comunità armena soffrire per la guerra nata dalla resistenza del regime ad accogliere giuste esigenze di mutamento, e alimentata con armi e uomini da potenze straniere, altrettanto dittatoriali e oppressive.  

Una guerra che la preponderante presenza della “Legione Straniera” jihadista islamica colora di caratteri religiosi, anticristiani e anti minoranze non sunnite in generale. Non stupisce allora che gli Armeni di Roma, la comunità più numerosa del Paese, si uniscano a papa Francesco nella veglia e nel digiuno di questa sera.  

“Il Consiglio per la comunità armena di Roma aderisce all’appello del Santo Padre alla serata di preghiera e di digiuno per la pace in Siria e nel Medio Oriente indetta per sabato 7 settembre 2013 in Piazza San Pietro. Il Consiglio per la comunità armena di Roma esprime piena solidarietà a tutta la popolazione siriana martoriata ed in particolare alla folta comunità armena ivi residente ed a tutti i profughi che a causa della guerra fratricida hanno dovuto abbandonare le loro case ed i loro averi in cerca di serenità e di pace. Possa il mondo capire che la guerra e l’odio provocano solamente altra guerra e altro odio e sofferenza”.

Il testo completo si trova su:

http://www.lastampa.it/2013/09/07/blogs/san-pietro-e-dintorni/gli-armeni-con-il-papa-K9bNnadUuVN5OINxt1DdRP/pagina.html