Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
21 Giugno 2013

PRIMAVERA ARABA – ( 21 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Primavera araba, meno libertà religiosa

 

La “Primavera araba” non ha portato più libertà religiosa e meno conflitti. Anzi. Un nuovo studio del Pew Research Center dimostra che il livello di restrizioni in questo settore, già altissimo nella regione considerata, è andato crescendo nel 2011

MARCO TOSATTI

All’inizio della primavera araba, nel 2010 e nei primi mesi del 2011, molti leader mondiali fra cui Barack Obama hanno espresso la speranza che i sommovimenti politici nel Medio Oriente e in Africa settentrionale portassero a una maggiore libertà per i popoli interessati, e minori restrizioni nella pratica della’attività religiosa. Ma un nuovo studio del Pew Research Center dimostra che il livello di restrizioni in questo settore, già altissimo nella regione considerata, è andato crescendo nel 2011   sia come risultato della politica dei governi della zona, sia a causa di fenomeni di ostilità sociale.  

Per leggere il rapporto cliccate qui.  

Prima della primavera araba, le restrizioni governative sulla religione e l’ostilità sociale relativa alla religione erano più alte in Africa del Nord e in Medio Oriente che in ogni altra regione del mondo. La situazione è peggiorata, in maniera tale che il numero di nazioni che hanno conosciuto violenze religiose o settarie è passato da cinque a dieci. Egitto, Arabia Saudita, Iran sono ai primi tre posti nel settore delle restrizioni governative , seguiti da Cina, Indonesia e Maldive. Il Pakistan invece guida la classifica relativa all’ostilità sociale. I cristiani sono maltrattati in 145 Paesi, e i musulmani in 129. I buddisti sono quelli meno perseguitati: “solo” in 23 Paesi.

Il testo completo si trova su:

http://www.lastampa.it/2013/06/21/blogs/san-pietro-e-dintorni/primavera-araba-meno-liberta-religiosa-c95c3snzEbfoKlDqqy8m8I/pagina.html