Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
10 Dicembre 2012

SIRIA – ( 10 Dicembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Incognita armi chimiche in Siria. Brahimi auspica soluzione politica della crisi



La drammatica possibilità che vengano usate armi chimiche e le ultime speranze di una via diplomatica: queste le questioni più discusse in queste ore in relazione alla crisi siriana. L’inviato speciale per la Siria di Onu e Lega Araba, Brahimi, dopo i colloqui ieri a Ginevra con emissari di Stati Uniti e Russia sulla Siria, spera ancora in una soluzione politica. Intanto oggi il Consiglio dei ministri degli Esteri Ue, a Bruxelles, discuterà dei dossier più caldi in Medio Oriente e per parlare di Siria ha invitato l’opposizione al regime di Damasco. Il servizio di Marina Calculli: RealAudioMP3

Della drammatica situazione in Siria e della questione delle armi Linda Bordoni ha parlato con il cardinale honduregno Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga, presidente di Caritas Internationalis: RealAudioMP3

R. – It’s a pity that bloodshed is increasing in Syria and the International …
E’ grave che lo spargimento di sangue in Siria sia in continuo aumento, mentre la comunità internazionale rimane così serena e lenta ad agire: è una vergogna! Non mi piace pensare di trovarmi di fronte ad una nuova situazione come quella dei Balcani negli anni Novanta, quando la pace è stata raggiunta a prezzo di enormi sofferenze da parte della gente! Ora sta succedendo la stessa cosa in Siria. E’ urgente fermare soprattutto la vendita di armi: questa è una delle ragioni per cui molti dei Paesi che, alle Nazioni Unite, hanno opposto il veto sono così passive. E’ bello avere denaro in tempi di crisi economica, ma è vergognoso che questo denaro venga dal sangue di altri popoli.

D. – C’è poi la difficile situazione israelo-palestinese…

R. – Thank heaven they stopped in sending …

Ringraziando Dio, hanno smesso di lanciare missili. Ma cosa accadrà dopo le sanzioni che Israele ha imposto ai palestinesi a causa del riconoscimento ottenuto dal popolo palestinese alle Nazioni Unite come Paese osservatore? E’ triste vedere che il mondo non sia capace di vivere in pace, in particolare nel periodo in cui ci avviciniamo al Natale … Intanto, molti Paesi hanno proprio cancellato il Natale: hanno soltanto un periodo di vacanza, si fanno gli auguri di “buone feste”. “Buone feste” senza Gesù non sono più “feste”, perché l’origine del Natale viene dalla nascita di Cristo. E questo atteggiamento può portare soltanto all’indifferenza. Siamo capaci di celebrare il Natale se lo accompagniamo con cibo e bevande: altrimenti, non è una festa. E dove è rimasta, allora, la venuta di Nostro Signore? Dove è rimasta la presenza di Cristo, unico orientamento morale per questo nostro mondo che è sprofondato nel materialismo e che è alla ricerca del dio denaro?

D. – In questo contesto, quale importanza ha la voce del Papa nella società di oggi?

R. – I’m convinced that the only moral voice that remains is the voice of the Pope. …

Io sono convinto che l’unica istanza morale che rimane è la voce del Papa. Ecco perché i suoi messaggi sono importanti: perché bussano alla porta delle nostre coscienze, per farci pensare in termini umani e non materialistici.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/12/10/incognita_armi_chimiche_in_siria._brahimi_auspica_soluzione_politica_d/it1-646111