Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
11 Aprile 2013

SIRIA – ( 11 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

SIRIA: CARITAS, AD ALEPPO “VITTIME, STUPRI ED ESECUZIONI SOMMARIE”

“La settimana santa ad Aleppo è stata particolarmente difficile e con molte vittime”: lo dice mons. Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo e presidente di Caritas Siria. “Molti di quanti hanno scelto di rimanere – racconta a Caritas italiana – hanno subito stupri, esecuzioni sommarie davanti ai loro familiari. Chi rifiuta di collaborare è ucciso immediatamente. Anche un notabile musulmano della regione di Jabal-es-Saydeh, a solo un chilometro dalla sede Caritas, poiché si era rifiutato di spingere la sua gente alla lotta violenta, è stato decapitato e la sua testa esposta ai passanti. Non si sa nemmeno dove seppellire i morti, perché i cimiteri sono in territorio pericoloso”. La violenza colpisce tutti. C’è un continuo spostamento di famiglie, cristiane e musulmane in cerca di luoghi più sicuri. Manca spesso l’acqua, l’elettricità, i telefoni non funzionano, a volte per dei giorni. Sono ormai 90.000 le vittime in Siria e centinaia di migliaia sono i rifugiati in Libano, Giordania e Turchia. Fra rifugiati all’estero e sfollati interni sono almeno 4 milioni i siriani ridotti in povertà. In Libano in particolare si parla di un milione di profughi siriani. (segue)

14:54SIRIA: CARITAS, AD ALEPPO “VITTIME, STUPRI ED ESECUZIONI SOMMARIE” (2)

Anche Caritas italiana, ricordando l’appello del Papa il giorno di Pasqua, chiede alla comunità internazionale di tentare “ogni strada pacifica per fermare le violenze” e rilancia le richieste di aiuto delle Caritas di Libano, Giordania e Turchia, oltre a quelle, ancora più urgenti, della Siria. Dall’inizio della crisi le Caritas hanno moltiplicato i loro sforzi per l’assistenza ai rifugiati: dai viveri, ai medicinali, al vestiario, alle scuole per i bambini. Grazie anche al gran numero di volontari restano attive sul territorio e confidano su un’ampia solidarietà per poter continuare le loro attività. Per offerte: causale “emergenza Siria”, info su www.caritasitaliana.it