Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
12 Febbraio 2014

SIRIA – ( 12 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Siria, Aleppo: l’assedio islamista
 
 

 

“Dum Ginevrae consulitur…” Mentre a Ginevra si discute ad Aleppo, parzialmente occupata dalle milizie internazionali islamiche la vita prosegue con grande difficoltà. Pubblichiamo il racconto di padre Mourad, un giovane gesuita direttore del Centro S. Vartan, rilanciato da “Ora Pro Siria”, il sito che segue con grande attenzione e competenza ciò che accade nel martoriato Paese. Ne emerge un quadro drammatico, ma non senza segni di speranza.
marco tosatti

“Dum Ginevrae consulitur…” Mentre a Ginevra si discute ad Aleppo, parzialmente occupata dalle milizie internazionali islamiche, la vita prosegue con grande difficoltà. Pubblichiamo il racconto di padre Mourad, un giovane gesuita direttore del Centro S. Vartan, rilanciato da “Ora Pro Siria”, il sito che segue con grande attenzione e competenza ciò che accade nel martoriato Paese. Ne emerge un quadro drammatico, ma non senza segni di speranza. Cliccando QUI avete l’originale in francese.  

“La gente è davvero stanca della violenza. Vuole a tutti i costi che finisca, il paese è arretrato di almeno due generazioni! ” 

Direttore del Centro S. Vartan in questa città di 2,5 milioni di abitanti , il giovane gesuita descrive il lavoro del Jesuit Refugee Service ( JRS ) ad Aleppo , di cui è responsabile . “Più di 200 giovani volontari provenienti da tutte le fedi e di tutte le etnie – arabi, curdi e armeni – collaborano senza difficoltà nel nostro centro per aiutare la Siria a superare questa crisi , in collaborazione con diverse altre organizzazioni umanitarie ,” sottolinea padre Mourad fin dall’inizio.  

Accoglienza degli sfollati 

Mentre i combattimenti stavano sviluppandosi altrove in Siria , Aleppo era ancora abbastanza tranquilla fino all’inizio del 2012 , ma i ribelli si erano già stabiliti nei villaggi circostanti . Sfollati interni arrivavano da Homs , Hama , Idleb e dai villaggi vicini . La situazione è peggiorata in città a metà luglio 2012. Il Centro St. Vartan – fondato circa 100 anni fa per aiutare i profughi armeni – è situato nel quartiere popolare di ” Midan ” in Aleppo , attualmente sulla linea del fronte tra truppe governative e ribelli . Colpito dai bombardamenti nel settembre 2012, il centro San Vartan è stato evacuato ed è ora in rovina . Le sue attività sono state spostate nel Circolo cattolico del quartiere di al – Aziziyeh , noto per la sua famosa chiesa armena dei Quaranta Martiri e quelle delle comunità maronita , cattolica romana e greco ortodossa. 

I ribelli occupano una grande porzione di Aleppo , e c’è solo un punto di transito per gli scambi tra la zona del governo e l’area della zona ribelle, per Bustan al- Qasr . Quando questo passaggio , che è molto frequentato, è bloccato , la città viene privata di ogni rifornimento. ” Siamo stati circondati per un mese e mezzo , non passava niente . Il passaggio è molto pericoloso , molte persone sono state uccise , altre rapite . Ma la strada è ora stata resa sicura dall’esercito governativo ” . 

Contrario alla partizione del paese e alla divisione etnica e religiosa 

In questo conflitto , fin dall’inizio , dice il religioso siriano , la posizione dei gesuiti è stata chiara : contro la violenza , contro la divisione del paese , contro la divisione etnica e settaria , contro la corruzione, per la democratizzazione , le riforme , la legittima richiesta di libertà … Quando la crisi è iniziata nel 2012 ad Aleppo , i gesuiti hanno iniziato a lavorare con la popolazione locale . Sul terreno , la società civile si organizza. 

All’inizio della crisi in Aleppo nel luglio 2012, il JRS si occupava di 11 scuole pubbliche che ospitano sfollati interni . Si trattava di garantire ogni tipo di servizio: cibo, vestiti , medicine, ecc . E le attività psicosociali soprattutto per donne e bambini . Queste scuole sono state svuotate all’inizio di quest’anno scolastico 2013-2014 per ospitare gli studenti  

La maggior parte delle persone che ricevono aiuto sono musulmane 

“In un primo momento , abbiamo impiantato una cucina primitiva in una delle nostre scuole . Ci siamo subito resi conto che la cucina avrebbe avuto un ruolo importante in quanto tutto mostrava che gli eventi sarebbero durati . Così, nel settembre 2012, le Francescane Missionarie di Maria in Aleppo ci hanno accolto nel giardino del loro convento per installare la nostra cucina . Dopo altri tre mesi, fornivamo 18.000 pasti giornalieri , 5.8 tonnellate di cibo ogni giorno , per le scuole e le moschee. Attualmente distribuiamo più di 4 tonnellate di cibo per i detenuti in cinque carceri e centri di detenzione del governo, per le case di riposo come la Saint-Vincent – de – Paul , che si prende cura degli anziani , così come per le case di riposo delle suore di Madre Teresa e Al Mabara al – Islamiya , un’organizzazione musulmana che aiuta anziani e disabili . ” 

Quest’ultima si occupa di 86 anziani e disabili che sono stati costretti ad abbandonare il loro centro a causa dei combattimenti , e sono stati accolti nel Centro Gesù Lavoratore , appartenente alla diocesi latina di Aleppo . 

Le distribuzioni vanno anche ad associazioni ecclesiali che aiutano gli sfollati: la Chiesa greco-ortodossa Al Nabi Elias , la Chiesa armena ortodossa dello Spirito Santo e i Fratelli Maristi di Aleppo. 

Assistenza medica e sociale 

Il progetto del JRS ha installato un Centro Medico a Faysal Street. Questo centro riceve i civili malati , tra 120 e 140 visite al giorno . Nella loro casa dello Studente , le Suore di S. Giuseppe dell’Apparizione hanno accolto anche il JRS per installare il loro centro psicosociale che si rivolge a quasi 750 bambini , per un programma di tre mesi . 

Il JRS ha istituito corsi di alfabetizzazione o di ri – alfabetizzazione per i giovani che hanno abbandonato precocemente la scuola e alcuni adulti . Organizza anche attività per le donne, tra cui artigianato e ricami , che permettono loro di guadagnare un po’ di soldi . Un programma di tutoraggio aiuta i bambini nei loro studi , fino al brevetto e diploma. Tutte queste azioni hanno il sostegno finanziario delle organizzazioni umanitarie e della Chiesa a livello internazionale .  

Associazioni umanitarie cristiane e musulmane lavorano mano nella mano. 

Padre Mourad dice che ad Aleppo associazioni umanitarie cristiane e musulmane lavorano mano nella mano.  La maggior parte delle persone che ricevono aiuto sono musulmani fuggiti dai loro villaggi a causa dei combattimenti . Quanto ai cristiani che ricevono questo aiuto , sono per la maggior parte delle famiglie economicamente colpite dal conflitto . Il JRS si occupa attualmente di 8.000 famiglie che ricevono aiuti sotto forma di “panieri” contenenti cibo, vestiti , utensili per la casa e la cucina , pure materassi. “Nel corso di quest’anno , ci sono 14.000 famiglie da aiutare . “Questa è una grande speranza se permettiamo che queste associazioni abbiano spazio per agire. Non ci sono due blocchi che sarebbero opposti , musulmani contro i cristiani . Fin dall’inizio , abbiamo lavorato insieme . Molte volte noi non sappiamo chi è cristiano e chi è un musulmano ! “. 

Sacerdoti e vescovi rapiti: nessuna notizia 

Alla domanda circa la sorte di sacerdoti e vescovi rapiti all’inizio dello scorso anno dai miliziani islamisti , Padre Mourad non ha informazioni affidabili . Vicino ad Aleppo, due vescovi e due sacerdoti – il Vescovo Georges Yohanna Ibrahim , vescovo siro- ortodosso , e Mons. Boulos al- Yazigi , vescovo greco-ortodosso rapiti nei pressi del confine con la Turchia il 22 aprile , e i padri Michel Kayyal ( armeno cattolico) , a Maher Mahfouz (greco-ortodosso ), rapiti a febbraio 2013 , sono nelle mani di un gruppo di fanatici. 

Nessun segno di vita neppure del gesuita italiano Padre Paolo Dall’Oglio , disperso dopo il suo rapimento da parte di un gruppo islamico il 30 luglio. 

Anche se non ci sono statistiche precise , si ritiene che dei circa 120.000 cristiani della città , 70.000 siano rimasti in Aleppo … per ora.

 

Il testo completo si trova su:

http://www.lastampa.it/2014/02/12/blogs/san-pietro-e-dintorni/siria-aleppo-lassedio-islamista-wzhY2UwxGTaFDrrAYmxlJP/pagina.html