Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
16 Febbraio 2017

SIRIA – (16 Febbraio 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Aleppo, drammatico appello da un ospedale: manca tutto

Aleppo - REUTERS

Aleppo – REUTERS

Terrore, distruzione e desolazione non hanno ucciso la speranza di poter ricominciare. “La Speranza” è il nome di un ospedale rimasto in piedi tra le rovine della città di Aleppo, diretto dal prof. Emile Katti.

Aleppo come Hiroshima: popolazione allo stremo
In un accorato appello diffuso dal sito internet della Fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre Italia (Acs), il medico descrive lo stato di emergenza in cui vive la popolazione: lo fa in modo efficace ricorrendo ad un’immagine impressa nella memoria e nell’immaginario collettivo, quella di Hiroshima rasa al suolo da un attacco nucleare al termine della Seconda Guerra mondiale. “Ad Aleppo – spiega – la situazione, anche senza bomba atomica, è uguale”: sei anni di guerra hanno ridotto gli abitanti allo stremo: senza beni di prima necessità, cibo, medicine, case, lavoro.

Ancora incombente la minaccia jihadista
“Da quando la città è stata liberata – racconta Katti – il numero dei feriti si è ridotto, ma non c’è ancora sicurezza”. La minaccia dei jihadisti di Al Nusra infatti incombe ancora: “si trovano a meno di 3 km da noi, a sud-ovest, e lanciano razzi in un quartiere che dista 1 km da qui. Qualche giorno fa ci sono stati almeno 3 morti e 40 feriti”.  

L’embargo impedisce i soccorsi medici
Il medico si rivolge direttamente ai responsabili politici della comunità internazionale e chiede loro di rimuovere l’embargo. “Se i macchinari sanitari si guastano non possiamo ripararli perché gli ingegneri biomedici hanno abbandonato Aleppo e non vogliono tornare a causa dei rischi. Non possiamo neanche comprarne di nuovi per la mancanza di fondi, aggravata dalla svalutazione della lira siriana”. Inoltre sebbene siano disponibili i medicinali per la patologie comuni, mancano quelli per curare le malattie croniche gravi. Il nostro lavoro – racconta il direttore dell’ospedale –  è salvare le vite, e non possiamo farlo se a causa dell’embargo non ci vengono garantiti gli strumenti necessari”.

Manca tutto: acqua, elettricità, riscaldamento
Sono poi i bisogni più elementari, quelli di cui necessitano gli aleppini. In primis l’acqua, il cui flusso dalla città di Raqqa è stato bloccato da ormai due mesi dal sedicente Stato Islamico lasciando privi di questo bene vitale circa 3 milioni di persone.  “In città – racconta Katti – ci sono 130 pozzi statali ma non sono sufficienti. Assente anche l’elettricità: per supplire a questa mancanza da ormai 4 anni si ricorre ai generatori elettrici che tuttavia, essendo predisposti per un uso esclusivamente emergenziale, spesso si guastano o esplodono a causa di un utilizzo quotidiano. Infine il rettore dell’ospedale “La Speranza” menziona la grave carenza di carburanti e gasolio per riscaldamento in una stagione, l’inverno, in cui le temperature sono scese di sei gradi sotto lo zero.

Decine di migliaia i cristiani fuggiti
Solo pochi giorni fa sempre attraverso Aiuto alla Chiesa che Soffre Italia, dalle macerie di Aleppo si era levata la richiesta di soccorsi di suor Guadalupe de Rodrigo, missionaria argentina dell’Istituto del Verbo Incarnato. Chiedendo di non dimenticare la particolare situazione di indigenza di circa duemila famiglie cristiane, la religiosa ha chiesto preghiere e aiuto concreto perché molte persone fuggite negli ultimi anni a causa del Vangelo, tornino nella loro terra. Nella martoriata città siriana “nel luglio 2012 – ha raccontato suor Guadalupe – i cristiani erano circa 120.000, oggi se ne contano solo 35.000”. I jihadisti infatti hanno preso di mira in particolare i quartieri cristiani Azizie e Sulaymaniyeh.

Il progetto di Acs per i cristiani di Aleppo
Ad Aleppo la Fondazione Acs ha dedicato dal 2011 un fondo attraverso il quale, finora, sono stati realizzati progetti per un valore di quasi due milioni e mezzo di euro. Chiunque può effettuare una donazione consultando il sito http://acs-italia.org/ (A cura di Paolo Ondarza)

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2017/02/16/la_testimonianza_di_un_medico_ad_aleppo/1292901