Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
21 Febbraio 2013

SIRIA – ( 21 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Aleppo, martire Armeno
 

 

marco tosatti

L’Agenzia Fides pubblica la notizia di un vero e proprio martirio “in odium fidei” nei confronti di un cristiano armeno apostolico per mano della “Legione straniera” di fondamentalisti islamici e terroristi di Al Qaeda raccolti in Siria con l’aiuto del Qatar, dell’Arabia Saudita, della Turchia e delle potenze occidentali.  Ecco la storia. Yohannes A. (l’Agenzia Fides preferisce non diffondere il cognome per motivi di sicurezza della sua famiglia, ndr), secondo la comunità armena locale, è “un martire del conflitto siriano, perché ucciso in odium fidei”. L’uomo si trovava in un convoglio diretto ad Aleppo. Il pulimino su cui trovava è stato fermato per strada da un gruppo di miliziani islamisti che hanno chiesto le carte di identità dei viaggiatori. Avendo notato che il cognome di Yohannes terminava con il suffisso “ian”, lo hanno identificato come un armeno. Lo hanno dunque fermato e perquisito, scoprendo che portava una grande croce al collo. A quel punto uno dei terroristi ha sparato sulla croce, dilaniando il petto dell’uomo. Secondo una fonte di Fides nella comunità armena, i “terroristi erano esaltati, erano fuori di sè, come sotto l’effetto di droghe”. 

La modalità utilizzata da questi posti di blocco, disseminati sulle strade siriane, è comune alle varie bande. Gli autobus sono fermati da posti di blocco, i viaggiatori subiscono ruberie o vengono selezionati per sequestri mirati, come è accaduto ai due sacerdoti Michel Kayyal (armeno cattolico) e Maher Mahfouz (greco ortodosso) rapiti il 9 febbraio e ancora in mano ai sequestratori.  

In un altro episodio, segnalato a Fides, un gruppo di cristiani si stava recando da Qamishli a Beirut, per fuggire dalla drammatica situazione locale. Il bus è stato centrato da un razzo che ha ucciso due persone: un uomo di nome Boutros e una 22enne di nome Naraya, prossima al matrimonio. I banditi hanno rubato tutto. Il gruppo ha preferito tornare indietro a Qamishli, piuttosto che affrontare un viaggio con pericolo mortale.
 
Il testo completo si trova su:

http://www.lastampa.it/2013/02/21/blogs/san-pietro-e-dintorni/aleppo-martire-armeno-UtVeuSqjpE55dYLteYHamL/pagina.html