Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
21 Giugno 2013

SIRIA – ( 21 Giugno )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria: ancora vittime. L’Unesco: “A rischio i siti patrimonio dell’umanità



In Siria proseguono le violenze. Intanto crescono le preoccupazioni della comunità internazionale, che non riesce, però, a superare li contrasti sulle possibili forniture di armi ai ribelli. Il servizio di Marina Calculli:RealAudioMP3

I ribelli chiedono all’Occidente nuove armi e rilanciano l’appello perché si imponga una “no fly zone” sulla Siria, mentre dall’opposizione si leva una denuncia: in due mesi sarebbero oltre 100 i detenuti uccisi nelle carceri del regime. Anche l’Unesco lancia un allarme: la guerra sta distruggendo le città d’arte siriane. La battaglia intanto esplode alle porte di Damasco dove l’esercito regolare, sostenuto dagli Hezbollah libanesi, sta cercando di riprendersi i villaggi di Zayabiyya e Babila, che gli consentirebbero di tagliare le vie di approvvigionamento per i ribelli asserragliati a sud di Damasco. Hezbollah è sempre più presente in Siria e tutto fa pensare che si stia preparando ad espugnare Aleppo. Il presidente libanese Suleiman però ha chiesto esplicitamente al “partito di Dio” di ritirare i propri combattenti dalla Siria. Intanto è in moto la diplomazia internazionale. Domani a Doha si riuniranno gli Amici della Siria. Sarà presente anche John Kerry. In molti, inoltre, rilanciano l’opportunità di una soluzione politica e del Ginevra 2. Il ministro degli esteri russo Lavrov però ribadisce: contrasteremo ogni tentativo di imporre le dimissioni di Bashar al-Assad.

Testo proveniente dalla pagina

 

http://it.radiovaticana.va/news/2013/06/21/siria:_ancora_vittime._lunesco:_a_rischio_i_siti_patrimoni/it1-703505

 


del sito Radio Vaticana