Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
21 Ottobre 2012

SIRIA – ( 21 Ottobre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Preoccupazione per Siria e Libano: la riflessione di padre Samir


Un appello al governo siriano e ai ribelli affinché proclamino un cessate il fuoco unilaterale. È quanto richiesto dall’inviato di Onu e Lega Araba, Lakhdar Brahimi, in occasione dell’incontro di stamani con il presidente siriano Assad. Sul terreno intanto è violenza senza fine: 31 morti e decine di feriti ad Aleppo. Colpito anche un quartiere cristiano di Damasco: 13 le vittime accertate. Infine resta altissima la tensione con Libano, dove oggi, a Beirut, migliaia di persone parteciperanno ai funerali di Wissam al Hassan, capo dell’intelligence morto nell’attentato di venerdì scorso. Il servizio di Marco Guerra:RealAudioMP3

“Mi rivolgo a tutti in affinché cessino le ostilità e che questa tregua sia rispettata a partire da oggi o da domani”. A margine dei colloqui con il presidente Assad, l’inviato dell’Onu Brahimi lancia l’ennesimo appello per un cessate il fuoco che lasci spazio ad una soluzione diplomatica del conflitto. Un’esortazione che, a parole, è stata raccolta dal capo di stato siriano che ha espresso sostegno ad ogni iniziativa basata sul rispetto della sovranità; ma che nei fatti è viene smentita dalle violenze che proseguono sul terreno. Oggi due attentati hanno scosso Aleppo e Damasco. Nella capitale almeno 30 persone sono state uccise da un’auto bomba fatta esplodere nel quartiere cristiano di Bab Tuma. Ma a tenere con il fiato sospeso la comunità internazionale sono le diverse ripercussioni regionali del conflitto in Siria. Oggi in Libano è massima allerta: miglia di persone stanno affollando il centro di Beirut per i funerali del capo dell’inteligence Hassan, ucciso venerdì scorso in un attentato che, secondo molti Paesi, va attribuito alla volontà del governo siriano di destabilizzare tutta l’area. L’opposizione libanese ha affermato che i funerali saranno un’occasione per protestare contro “il macellaio Assad”, mentre l’esercito presidia le strade per evitare il contatto tra manifestanti di opposte fazioni.

Fabio Colagrande ha raccolto il commento di padre Samir Khalil Samir, docente di Storia della cultura araba e islamologia all’Università Saint Joseph di Beirut:RealAudioMP3

R. – La prima vittima è stato un ministro dell’intelligence molto bravo, assai giovane – aveva 46 anni – ci si aspettava molto da lui. Era un musulmano sunnita. E’ triste, ma questa purtroppo è la situazione del Medio Oriente e del Libano. Speriamo solo – e preghiamo – che questo attentato non produca ulteriori attentati, che la cosa si fermi qui e che la Siria possa ritrovare, con l’aiuto di Brahimi Lakhdar e altri “Brahimi” un po’ di pace, almeno una tregua, per riflettere sul futuro: questo è quello che conta, anche per noi in Libano, che la Siria ritrovi la sua sicurezza e la sua normalità. Questa situazione crea tanti problemi anche altrove, e soprattutto per la gente della Siria. Anche per questo il Santo Padre ha deciso di inviare una delegazione per sostenere, per portare il sostegno del Sinodo alla popolazione della Siria, dando anche un contributo materiale per aiutarla.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/10/21/preoccupazione_per_siria_e_libano:_la_riflessione_di_padre_samir/it1-631819