Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
28 Febbraio 2013

SIRIA – ( 28 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Vertice degli “Amici della Siria” a Roma: “Assad lasci al più presto le armi”



Gli “Amici della Siria” ripartono da Roma per disegnare il futuro della Siria. I ministri degli Esteri degli 11 Paesi del gruppo sostenitore della coalizione nazionale siriana si mostrano compatti e chiedono la fine delle violenze e le dimissioni del presidente Assad. Intanto gli Usa stanziano altri 60 milioni di dollari per aiuti umanitari, attraverso cui sostenere il cambiamento. Nelle stesse ore una forte denuncia giunge dall’alto commissariato Onu per i Rifugiati per una situazione umanitaria sempre più drammatica. Di Salvatore Sabatino

UNITI CONTRO ASSAD – Tre ore di colloqui serrati per un’unità di intenti totale. Il vertice “Amici della Siria”, tenutosi stamattina a Roma, chiude i battenti con un messaggio chiaro, indirizzato ad Assad, che “deve lasciare” al più presto le armi, mettendo la parola fine alla strage quotidiana. Lo dice il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi – padrone di casa – lo dice il segretario di Stato americano, John Kerry, e lo ripete una terza volta – con toni più accesi – il capo della coalizione nazionale siriana Moaz Al-Khatib. Nessuna divisione, dunque, nemmeno frizioni diplomatiche tra le delegazioni degli 11 Paesi “amici della Siria” presenti a Villa Madama, con gli Stati Uniti che scendono in campo e subito assumono la guida del fronte anti-Assad..

UNA “NUOVA” FASE PER SIRIA- ”Una chiara determinazione a fare un passo avanti” nel sostegno e negli aiuti all’opposizione siriana, in un incontro “importante e positivo”. Il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi, apre l’incontro con la stampa puntando sui risultati raggiunti, sul senso di unione che si è respirato durante la riunione. Sul punto di partenza di una nuova fase, che mette da parte il gioco di veti incrociati che ha determinato un’imbarazzante impasse e volta la pagina della storia. Perché il mondo non può più restare indifferente di fronte ad una tale carneficina e deve agire con concretezza.

NIENTE ARMI DA WASHINGTON – La popolazione siriana paga un prezzo altissimo in seguito alla guerra. E da troppo tempo. E’ il momento di dire basta e di agire concretamente, mettendo in campo tutte le proprie forze per aiutare chi soffre. Il neo segretario di Stato americano, John Kerry, entra subito nel merito e lo fa annunciando uno stanziamento statunitense pari a 60 milioni di dollari. Fondi da mettere immediatamente a disposizione della Coalizione nazionale siriana, riconosciuta ufficialmente quale rappresentante unico della Siria. Aiuti materiali che hanno un doppio ruolo: distribuire viveri e garantire assistenza medica e nel contempo “modificare gli equilibri sul terreno”. In sostanza la comunità internazionale “coordinerà gli sforzi” per tutelare i più deboli – i civili – e per “sostenere il Comando militare supremo dell’Esercito libero, affinché possa esercitare la legittima autodifesa”. Una risposta a quella che viene definita la “continua brutalità di Assad”, sostenuto “da Hezbollah e dall’Iran”. “Il tempo per Assad è scaduto, ora deve lasciare il Paese”, dice perentorio il capo della diplomazia statunitense, il quale insiste per una “soluzione politica” al conflitto. Certo 70mila morti sono davvero troppi, così come la distruzione attuata in molte aree del Paese. Nonostante tutto, però, da Washington non arriveranno aiuti letali; tutto il resto sì, compresa la possibilità di addestrare le forze della Coalizione. Resta ferma, dunque, la posizione della Casa Bianca, nonostante nei giorni scorsi proprio al Khatib avesse legato la sua presenza a Roma ad una lunga serie di richieste e condizioni. Tra queste un supporto in armi da parte degli Usa. Gli americani hanno già inviato in Siria aiuti per 385 milioni di dollari. “Facciamo questo”, ha sottolineato Kerry, “perché la Siria si rialzi, la posta in gioco è troppo alta”. Nessun Paese al mondo si deve sentire oppresso da un regime come quello di Assad.

LE RICHIESTE DI AL KHATIB – Ripercorre i punti degli “amici” italiano e statunitense Al Khatib, denunciando massacri e violenze inaudite, perpetrare quotidianamente. Di qui una richiesta diretta: impegnarsi o costringere il regime ad accettare corridoi umanitari, per Homs assediata da 250 giorni, e Deraa, culla del movimento di protesta pacifico. Poi l’appello più forte, ma anche difficile, quello ad inviare armi alla Coalizione; “bisogna dare al popolo rivoluzionario – dice – ogni mezzo per difendersi”, anche perché la rivoluzione nasce su fondamenti di pace, dettata dalla richiesta di libertà di un popolo oppresso. Smentisce, infine che l’opposizione armata si ispiri al fondamentalismo islamico e spinge i media a non soffermarsi sulla “lunghezza della barba dei ribelli”, quanto piuttosto sulle “stragi di bambini che insanguinano il Paese ogni giorno”. Quanto alle armi chimiche Al Khatib parla di un finto problema, di fronte al numero crescente di vittime causate dall’esercito di Assad con armi convenzionali e missili Scud.

L’ALLARME UMANITARIO – “Sta arrivando il momento della verità”. E’ forte la denuncia di Antonio Guterres, alto commissario delle Nazioni unite per i Rifugiati, che evidenzia come “in Siria si rischi un disastro di proporzioni immani: sia in campo politico che umanitario”. La situazione umanitaria è talmente drammatica da non poter essere neanche descritta, perché mese dopo mese, la crisi dei rifugiati accelera ad una velocità impressionante. I dati che fornisce l’Unhcr parlano di 940mila rifugiati nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa. Solo dall’inizio del 2013, oltre 40mila persone sono fuggite dalla Siria ogni settimana, mentre gli sfollati interni sono circa 2 milioni, mentre oltre 4 milioni di persone subiscono le conseguenze del conflitto. Non bisogna dimenticare, poi, il mezzo milione di rifugiati palestinesi in Siria, anche loro coinvolti nella guerra. Poi un allarme riguardante i Paesi d’asilo, che “sono stati molto generosi – riferisce Guterres – che hanno tenuto aperte le frontiere, ma che non saranno in grado di farlo ancora a lungo”. Per questo occorre un rinnovato impegno della comunità internazionale per far fronte all’emergenza. Il tracollo dei Paesi limitrofi alla Siria trascinerebbe l’intera regione mediorientale nal baratro. Un rischio che non si può correre.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/02/28/vertice_degli_amici_della_siria_a_roma:_assad_lasci_al_pi%C3%B9_presto/it1-669173

del sito Radio Vaticana