Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
30 Aprile 2014

SUD SUDAN – ( 30 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Drammatica la situazione dei civili in Sud Sudan

In Sud Sudan non si ferma la guerra civile che da metà dicembre sta devastando il Paese. Oltre un milione i profughi e sostanzialmente mai rispettato il “cessate-il-fuoco” firmato lo scorso 23 gennaio. Giulio Albanese: RealAudioMP3

Il responsabile delle operazioni umanitare dell’Onu in Sud Sudan, Toby Lanzer, ha rivolto ieri un accorato appello a tutte le fazioni in lotta affinché pongano fine ai combattimenti, almeno nel mese di maggio, per consentire alla popolazione di seminare in un contesto, quello del Sudan Meridionale, dove la crisi alimentare minaccia sette milioni di persone. Sta di fatto che la situazione è davvero drammatica soprattutto nella zona settentrionale del Paese, dove sono maggiormente attivi i ribelli dell’ex presidente Riek Machar. La città martire è Bentiu, nello Unity State, è una sorta di Stalingrado africana, dove sono avvenute, stando ad autorevoli fonti di Medici Senza Frontiere (Msf), violenze indicibili, omicidi mirati raccapriccianti e una generale escalation della brutalità, soprattutto contro i civili. Un team dell’organizzazione umanitaria, la settimana scorsa, ha visitato la città di Bentiu, dove i cadaveri della gente erano disseminati per le strade in macabro stato di decomposizione, mangiati da cani e uccelli, un affronto all’umanità. Un dramma dunque rispetto al quale la Comunità Internazionale non può permettersi di stare alla finestra a guardare.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2014/04/30/drammatica_la_situazione_dei_civili_in_sud_sudan_/it1-795105

del sito Radio Vaticana