Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
24 Luglio 2014

SUDAN – ( 24 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Sudan
 
Meriam a Roma da Papa Francesco
 
 
24 luglio 2014
 
 
Meriam Yahia Ibrahim Isha sarà ricevuta da Papa Francesco.
 
La giovane madre cristiana condannata a morte in Sudan per apostasia e poi liberata, era arrivata intorno alle 9.30 all’aeroporto romano di Ciampino a bordo di un volo della Presidenza del Consiglio. Con lei il marito Daniel Wani e i loro due figli, Martin, 2 anni, e Maya, 2 mesi.
 
Ad accoglierla il presidente del Consiglio Matteo Renzi con la moglie Agnese e il ministro degli Esteri Federica Mogherini. «Oggi è un giorno di festa» ha detto Renzi.
 
“Abbiamo seguito il caso sin da prima che fosse resa nota la condanna”, ha aggiunto il ministro, che ha ritardato la partenza per una missione di due giorni nei Balcani.”Grazie al grande lavoro fatto da tanti, oggi possiamo accogliere Meriam a Roma. Ora lei ha bisogno di tranquillità con la sua famiglia”, ha concluso Mogherini.
 
A bordo del volo c’era il vice ministro degli Esteri, Lapo Pistelli, che ha seguito da vicino la vicenda della sudanese. «Stanno bene e sono felici di essere qui. Avranno qualche incontro importante nei prossimi giorni e poi ripartiamo per New York», ha reso noto. Alla domanda dei giornalisti se la donna incontrerà il Papa, Pistelli ha risposto: “Il Santo Padre è stato informato dal premier Renzi della cosa ed ha manifestato il suo sentimento di gratitudine verso il Paese”.
 
Il caso di Meriam ha mobilitato l’opinione pubblica internazionale e ha visto in prima linea l’impegno di Avvenire e dei suoi lettori. La vicenda della 27enne sudanese, che nei mesi di prigionia ha partorito in catene la secondogenita Maya, era stata citata anche dal presidente del Consiglio,Matteo Renzi, in occasione del suo discorso di inaugurazione del semestre europeo a Strasburgo. Parlando di Meriam e delle ragazze nigeriane sequestrate dagli islamisti di Boko-Haram, Renzi aveva sottolineato: “Se non c’è una reazione europea non possiamo sentirci degni di chiamarci Europa”.
 
© riproduzione riservata
 
Il testo completo si trova su:
 
http://www.avvenire.it/fMondo/Pagine/meriam-arriva-a-Roma.aspx