Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
26 Luglio 2013

SUDAN – ( 26 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

L’allarme delle ong: in Sudan in atto una profonda islamizzazione



La vita è sempre più dura per le minoranze religiose in Sudan, specialmente da quando il Sud è diventato Stato indipendente, due anni fa. Da allora, il presidente sudanese, Omar al-Barish, ha più volte espresso l’intenzione di rafforzare la sharia, rendendo il Paese al 100% islamico (ora lo è al 98%). Così, è stata data una stretta anche alla legge sull’apostasia – l’abbandono dell’islam e la conversione a un’altra religione – che nel Paese è punibile con la pena di morte, anche se nessuno è stato giustiziato per questo reato negli ultimi 20 anni. Ben 170 persone, però, sono state arrestate con queste accuse tra il 2011 e il 2012. Alcune ong raccontano, attraverso la Fides, soprattutto la storia di un cristiano dei Monti Nuba, portato in carcere a Khartoum nel febbraio scorso e a lungo interrogato con l’accusa di essere uno dei ribelli appostati nell’area, contro i quali il Paese sta conducendo da due anni una campagna militare. Tutti i suoi beni e i suoi documenti sono stati confiscati ed è stato costretto a rivelare i nomi dei suoi conoscenti convertitisi al cristianesimo. Il gruppo “Barnaba team”, da anni impegnato nella difesa dei cristiani e della libertà religiosa nel mondo, conferma l’allarme sulla progressiva islamizzazione del Sudan, dove le chiese vengono demolite, le scuole cristiane chiuse, i cristiani arrestati o espulsi dai luoghi di lavoro, le pubblicazioni sequestrate. Nell’aprile scorso, il governo aveva annunciato che non saranno più concesse autorizzazioni edilizie per la costruzione di edifici ecclesiastici. (R.B.)

Testo proveniente dalla pagina


http://it.radiovaticana.va/news/2013/07/26/l’allarme_delle_ong:_in_sudan_in_atto_una_profonda_islamizzazione/it1-714007

del sito Radio Vaticana