Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
20 Aprile 2015

TORINO/ISLAM – ( 20 Aprile 2015)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

 

Imam all’ostensione della Sindone. “Siamo qui per dare un segnale, per dimostrare la vicinanza di cristiani e musulmani”. Così il presidente della Lega Imam e Predicatori delle Moschee in Italia, Mohamed Bahreddine, ed il portavoce del Centro Interculturale Mecca, Amir Younes. “Bisogna essere forti insieme, essere qui oggi è simbolo di pace”.

Bahreddine e Younes hanno guidato, nella visita all’ostensione della Sindone, un gruppo di musulmani. “Anche alle vostre feste per la fine del Ramadan ci sono sempre rappresentanti della Chiesa – ha spiegato Bahreddine – per questo abbiamo deciso di venire per dare un segnale, per dire che siamo tutti fratelli e che siamo cittadini di questo Paese è di questa città”. “E’ la prima volta che visitiamo la Sindone. Vogliamo allargare il dialogo – ha spiegato – la nostra presenza è un segnale forte dopo quello che è successo nel mondo. Vogliamo dare l’esempio. Vogliamo fare appello a tutti, siamo tutti fratelli. Oggi abbiamo bisogno di vicinanza, di dimostrare che siamo uniti, c’è bisogno di dire no alla violenza”. “Siamo per massima integrazione – ha affermato Amir Younes, responsabile del Centro Mecca di Torino – c’è molto interesse nei confronti della Sindone e noi siamo qui per arricchire le nostre conoscenze. La nostra presenza è segno di integrazione”.

 

 

 

 

 

Sindone, gli imam di Torino all’Ostensione


Il Direttore del Centro Peirone Don Augusto Negri con la delegazione di musulmani in visita alla Sindone


“È – ha aggiunto – uno spazio per allargare il dialogo e, soprattutto dopo i drammatica eventi che stanno succedendo in questi mesi, siamo qui per lanciare un nuovo appello e dire che siamo tutti fratelli”.
“Oggi ne abbiamo davvero bisogno – è intervenuto Younes – per dimostrare la vicinanza fra cristiani e musulmani, dire no a ogni forma di terrorismo e violenza e sì alla convivenza. Bisogna essere forti insieme”.
Con il gruppo di musulmani c’era anche don Tino Negri, direttore del Centro diocesano per il dialogo cristiano-islamico Federico Peirone. “Sono contento di questa partecipazione – dice – è il segno di di una volontà di integrazione e accoglimento delle differenze religiose e culturali”

 

Il testo originale e completo si trova su:

http://torino.repubblica.it/cronaca/2015/04/20/news/ostensione_sindone_l_imam_siamo_vicini_a_voi_cristiani-112422591/