Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
13 Gennaio 2012

TUNISIA – (13 Gennaio)

La Tunisia celebra il primo anniversario della fuga di Ben Ali
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
La Tunisia celebra il primo anniversario della fuga di Ben Ali

La Tunisia celebra il primo anniversario della caduta del regime del presidente Ben Ali. Il 14 gennaio 2011, infatti, l’ex raìs fuggiva da Tunisi trovando rifugio in Arabia Saudita, insieme alla moglie. Riad ha più volte ignorato le richieste di estradizione avanzate dalle nuove autorità tunisine. A Cristiano Tinazzi, giornalista testimone della rivoluzione tunisina, Stefano Leszczynski ha chiesto come si presenta il Paese a un anno dalla cacciata di Ben Ali.RealAudioMP3 

R. – E’ cambiato molto. Adesso c’è una democrazia che non è ancora del tutto compiuta, ma che si sta avvicinando ad esserlo; ci sono state delle elezioni giudicate regolari anche dagli osservatori internazionali e c’è stato un partito che è uscito vincitore da queste elezioni, che è appunto il Movimento islamista Ennahda. Probabilmente questa è stata l’unica rivoluzione compiuta tra quelle del Maghreb: rispetto ad Egitto e Libia non ci sono stati stravolgimenti particolari, atti di violenza o guerre come è successo in Libia. La cosa certa è che c’è ancora molta strada da fare. Comunque, non tutte le persone sono contente di com’è oggi la Tunisia, almeno rispetto a quello che era un anno fa.

D. – I problemi di tipo sociale ed economico sono ancora molti. Il primo dato, forse, è quello dell’altissimo tasso di disoccupazione, che ancora resta in quasi tutte le zone del Paese con una media nazionale del 19 per cento…

R. – Sì. C’è una disoccupazione altissima, che si concentra soprattutto in alcune zone depresse del Paese, dove raggiunge anche quote del 50 per cento. Questo è un problema non facilmente risolvibile: la Tunisia ha subìto dallo scorso gennaio ad oggi dei forti contraccolpi a livello economico, anche da parte degli investitori stranieri, ed anche il turismo non si è ancora ripreso.

D. – Il presidente Ben Ali vive, ormai da un anno, in Arabia Saudita insieme alla moglie…

R. – I tunisini ormai considerano Ben Ali come qualcosa di vecchio, che riguarda solo il passato. Se ne parla soltanto quando ci sono dei processi a suo carico, quando ci sono delle condanne o si fanno queste richieste di estradizione che poi, però, non vengono portate a termine dall’Arabia Saudita. Il problema è che è rimasta, da parte della burocrazia dell’apparato statale tunisino, una mentalità, legata al precedente regime, che è difficile da cancellare. La televisione ed i media hanno ancora dei riflessi, per cui c’è molta autocensura. Le nuove generazioni sono comunque molto attive, soprattutto nel nord del Paese.

D. – La Giornata delle celebrazioni per la fuga di Ben Ali è stata fatta in pompa magna, anche con la presenza di molti ospiti istituzionali dei Paesi vicini. Come si pone e come viene percepita la Tunisia dai Paesi limitrofi?

R. – Desta preoccupazione la presenza dello sceicco bin Khalifa Al Thani, della casa regnante del Qatar. Il Qatar, qui in Tunisia, sta giocando un ruolo non indifferente. Era stato criticato perché pare avesse dato finanziamenti al movimento islamista Ennahda e sembra abbia molti interessi economici. Si tratta, quindi, di un momento molto particolare, perché segna un anno che è stato travagliato per tutti i tunisini, un anno davvero difficile. Si spera che, in questo nuovo anno, le cose andranno meglio.

D. – Possiamo dire che si tratta comunque di una ricorrenza che è stata vissuta, a livello nazionale, con uno spirito positivo?

R. – Sì, sicuramente, anche se chiunque può avere qualche rimostranza e qualche cosa da dire. La cosa bella della Tunisia, adesso, è che tutti possono dire la propria opinione, mentre un anno fa questo non era possibile. Questa, però, è una cosa che deve proseguire, non è finita qui. Quest’anno sarà molto importante, per la Tunisia, perché dovrà dimostrare di essere veramente una democrazia. (vv)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=554309