Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
20 Maggio 2013

TUNISIA – ( 20 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Il governo tunisino vieta il raduno annuale dei salafiti. Scontri in tutto il Paese



In Tunisia è scontro tra governo e salafiti. Manifestazioni si sono registrate in varie parti del Paese provocando un morto tra i contestatori e 14 feriti. Le violenze sono scoppiate a causa del divieto, che l’esecutivo ha imposto, allo svolgimento del Congresso annuale di Ansar al-Sharia nella città di Kairouan. Massimiliano Menichetti:RealAudioMP3

Spari, assalti, sassaiole tumulti in tutta la Tunisia dopo il “no” del ministero dell’Interno al raduno nazionale dei salafiti di Ansar al-Sharia che si sarebbe dovuto tenere ieri a Kairouan, enclave della parte più dura del movimento e centro del desiderato califfato. Ad Ettadhamen, distretto a 15 chilometri a ovest di Tunisi, un giovane salafita è rimasto ucciso negli scontri. 11 i poliziotti feriti, 3 i manifestanti. Il premier Ali Larayedh, espressione degli islamisti moderati di Ennhada, ha accusato gli estremisti di Ansar al-Sharia di essere “un’organizzazione illegale coinvolta nel terrorismo”. I manifestanti dal canto loro non riconoscono l’autorità dello Stato che ha deciso il pungo duro: undicimila gli uomini della sicurezza inviati nella sola Kairouan. Qui è stata arrestata anche Amina Tyler attivista Femen scesa in piazza contro i salafiti. Migliaia i soldati allertati nelle caserme e fatti intervenire nei punti di crisi. Il raduno di Ansar al Sharia, ancora non autorizzato, è stato ufficialmente rinviato di una settimana.

Massimiliano Menichetti ha parlato della situazione in Tunisia con Massimo Campanini
docente di Storia dei paesi islamici all’Università di Trento:RealAudioMP3

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/05/20/il_governo_tunisino_vieta_il_raduno_annuale_dei_salafiti._scontri_i/it1-693646

del sito Radio Vaticana