Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
8 Marzo 2013

TUNISIA – ( 8 Marzo )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Tunisia verso un nuovo governo. Intervista esclusiva col fondatore del partito Ennahdha



Tunisia verso un nuovo governo. Ieri sera, i partiti della vecchia maggioranza, Ennahda, Ettakatol e Congresso per la Repubblica, hanno raggiunto in extremis un’intesa per varare un nuovo esecutivo. Il primo ministro designato, Ali Laarayedh, annuncerà domani la lista dei ministri. Un passo importante dopo la situazione di estrema tensione venutasi a creare in seguito all’uccisione del segretario del Partito dei patrioti democratici, Chokri Belaïd. Episodio che ha causato le dimissioni del precedente Premier Jebali e che ha diviso il Partito al governo Ennahda. Sulla situazione politica nel Paese, Salvatore Sabatino, ha intervistato Abdelfattah Mourou, fondatore e vicepresidente del Partito Ennahdha:RealAudioMP3

R. – L’assasinat de notre confrère…
L’assassinio del nostro confratello, Chokri Belaid, ha dato un nuovo colore alla vita politica in Tunisia. Temiamo il peggio. Eravamo sulla buona strada: noi tunisini avevamo scelto il suffragio universale come la sola via per discutere tra i diversi partiti politici. Ma adesso, questa nuova connotazione dopo l’attentato ci dà grande agitazione, grande paura. Come possono i tunisini perseguire il tragitto per la transizione democratica con questo pericolo degli attentati? Credo che fino ad adesso i tunisini siano stati uniti nel perseguire questa via democratica che abbiamo scelto, soprattutto attraverso la mediazione delle istituzioni messe in atto e, soprattutto, con il consiglio costituzionale che sta preparando la nuova costituzione. Ci servirà ancora poco tempo. Noi abbiamo qualche mese soltanto per arrivare a mettere in atto questa Costituzione e cercheremo di rassicurare i tunisini che la prossima volta ci saranno elezioni nel modo giusto e dovuto, questo perché i tunisini possano scegliere i loro dirigenti, i nuovi dirigenti.

D. – Lei è il fondatore di Ennahda. Dopo l’attentato avete auto problemi, vi siete divisi…

R . – On est partagés sur un point de vue…
Ci siamo divisi su un punto di vista che ho sollevato io stesso, ho detto che Ennahda dovrebbe fare meglio per la stabilità della Tunisia, che ha commesso grandi errori. Perché? Perché noi islamici non abbiamo antecedenti politici nella nostra vita. Come, del resto, tutti gli altri attori della vita politica non vengono da partiti politici datati: sono arrivati tutti dopo la rivoluzione ed è per questo che c’è un grande ritardo nella realizzazione dei compiti che spettano a questi partiti politici e soprattutto a Ennahada, che però ha una grande responsabilità.

D. – La Tunisia è un Paese molto vicino all’Europa. Lei pensa che l’Unione Europea vi possa aiutare in questo momento e come può immaginare il futuro del vostro Paese?

R. – Les discours que nous avons entendu…
I discorsi che abbiamo ascoltato sono rassicuranti. Ma le azioni no, perché credo che soprattutto la Francia sia molto diffidente nei riguardi degli islamici, nel senso che non è sicura che gli islamici siano democratici. Questo non ci aiuta affatto: c’è un’altra destra, in cui ci sono islamici più radicali di noi. Ennahda ha fatto la scelta, ha scelto la via democratica, vuole agire democraticamente, vuole coordinare queste azioni con i laici e lo fa in modo molto pratico. I francesi vogliono che tutti gli islamici lascino il potere e per il bene di chi? Quando Ennahda lascerà il potere, verranno i più radicali che faranno molto male alla Tunisia.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/03/08/tunisia_verso_un_nuovo_governo._intervista_esclusiva_col_fondator/it1-671444
 

del sito Radio Vaticana