Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
17 Aprile 2012

TURCHIA – ( 17 Aprile )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Turchia: per i vescovi “buone possibilità” per il riconoscimento giuridico della Chiesa

Una riunione che “trascorsa in un clima sereno, lascia ben sperare. Con pazienza, dai colloqui intercorsi fra le due parti, si intravedono possibilità di raggiungere buone intese”. È quanto si legge in un breve comunicato in cui la Conferenza episcopale turca (Cet) traccia un bilancio della sua audizione avuta ieri presso la “Grande Assemblea”, corrispondente al Parlamento italiano, durante la quale ha esposto “i suoi problemi e le sue richieste da inserire nella nuova Costituzione che si sta preparando”. Come è noto – riferisce l’agenzia Sir – “la richiesta principale della Chiesa cattolica Latina è il suo riconoscimento giuridico come Chiesa in Turchia”. “I rappresentanti del Governo – riporta la nota della Cet – hanno comunque sottolineato che tale richiesta non dipende dalla nuova Costituzione, ma può essere accolta con una legge particolare. Nei prossimi incontri si prenderanno in considerazione i problemi delle proprietà delle Chiese, delle scuole, degli ospedali, e di altri beni di cui la Chiesa Cattolica Latina attualmente possiede i Titoli di Proprietà. Con pazienza – termina il comunicato – dai colloqui intercorsi fra le due parti, si intravedono possibilità di raggiungere buone intese”. L’incontro, come anticipato ieri dal Sir, è dovuto all’iniziativa dell’ambasciatore turco presso la Santa Sede, Kenan Gürsoy. La delegazione della Chiesa era composta da mons. Ruggero Franceschini, presidente Cet, da mons. Louis Pelâtre, vicario apostolico di Istanbul, da mons. Georges Khazzoum (per gli armeno-cattolici), da mons. Yusuf Sað (per i sirocattolici) e dal portavoce della Cet, Rinaldo Marmara. Lo scorso 20 febbraio era stato sentito il Patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I. (R.P.)

Il testo completo si trova su:

http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=580575