Redazione Internet giovedì 3 settembre 2020
Dopo la morte dell’attivistae collega Ebru Timtik dopo 238 giorni di digiuno, la Corte di Cassazione ordina la immediata scarcerazione di Aytac Unsal per motivi di salute: da 213 giorni non si nutre
Aytac Unsal e Ebru Timtik, morta a Istanbul

Aytac Unsal e Ebru Timtik, morta a Istanbul – .

 

La Corte di Cassazione turca ha ordinato l’immediata scarcerazione per motivi di salute dell’avvocato Aytac Unsal, che da 213 giorni è in sciopero della fame per protestare contro la sua condanna a 10 anni e mezzo per “associazione terroristica”, a una settimana dalla morte in carcere della collega Ebru Timtik dopo 238 giorni di digiuno.

I giudici hanno stabilito che Unsal debba essere “immediatamente liberato” alla luce del “pericolo che rappresenta per la sua vita la permanenza in prigione”. Nei giorni scorsi, i medici avevano lanciato l’allarme sul deterioramento delle condizioni generali del legale 32enne e sull’indebolimento del suo sistema immunitario a fronte del rischio aggiuntivo di un possibile contagio di coronavirus. Il suo rilascio dovrebbe avvenire nelle prossime ore.

La morte di Ebru Timtik aveva suscitato forte indignazione e commozione in Turchia e all’estero, con accuse al governo di Recep Tayyip Erdogan di aver ignorato fino alle estreme conseguenze le richieste della protesta pacifica degli avvocati, che denunciavano condanne politiche e chiedevano una revisione dei loro casi. Entrambi erano da tempo impegnati nella difesa di attivisti di sinistra e la magistratura li ha accusati di sostegno all’organizzazione marxista-leninista Dhkp-c, classificata come “terroristica”. A luglio Unsal e Timtik erano stati trasferiti in diversi ospedali, sempre in condizioni di detenzione.

La decisione odierna della Cassazione è giunta in concomitanza con la visita in Turchia del presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo, Robert Spano, che ha incontrato anche il presidente Erdogan.

© Riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/turchia-cassazione-liberare-avvocato-in-sciopero-della-fame