Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
8 Giugno 2015

TURCHIA – ( 8 Giugno 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Elezioni

Turchia, Erdogan perde la maggioranza
 
 
​Leggi anche:

 
 
 

Sostenitori del partito curdo (Lapresse)

 
 
 

Dopo lo spoglio del 99,89% delle schede, con risultati quindi praticamente definitivi, il partito Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan si ferma a 258 seggi su 550 alle politiche turche.

Il partito islamico, che ha ottenuto il 40,80% (contro il 50 alle politiche del 2011), perde la maggioranza assoluta in parlamento che aveva dal 2002.

Il primo partito dell’opposizione, il socialdemocratico Chp di Kemal Kilicdaroglu, ottiene il 25,05% e 132 seggi. I nazionalisti del Mhp di Devlet Bahceli il 16,36% e 81 deputati. Il partito curdo Hdp di Selahattin Demirtas, fondato nel 2014, supera ampiamente la soglia di sbarramento del 10% con il 13% dei voti e 79 seggi.

Ad Ankara si apre ora una delicata fase per la formazione di un nuovo governo. Gli scenari ipotizzabili sono 3: una coalizione tra il partito di Erdogan e i nazionalisti; un governo di minoranza; elezioni anticipate.

Lira turca e Borsa sono crollate dopo l’esito del voto. L’indice principale della Borsa di Istanbul ha aperto con un tonfo dell’8,2%. L’affluenza alle urne è stata alta, all’86,49%.

Il presidente Erdogan, prevedono diversi analisti, dovrebbe incaricare una personalità dell’Akp, il partito che ha ottenuto più voti, di formare il nuovo governo, ricercando una alleanza con i nazionalisti del Mhp. Prima del voto tutti i partiti di opposizione avevano escluso una possibile coalizione con l’Akp.

Il dirigente del Chp a Istanbul Murat Katayalcin ha chiesto che Erdogan dia l’incarico al leader del suo partito Kemal Kilicdaroglu. Insieme i tre partiti di opposizione hanno 292 seggi su 550 in parlamento. Mhp e Hdp sono però su posizioni opposte sul processo di pace in Kurdistan.

Tornano i cristiani in parlamento: 4 deputati. Dopo diversi anni di assenza, la minoranza cristiana torna ad essere rappresentata nel parlamento turco, riferisce la stampa di Ankara. Alle politiche di domenica sono stati eletti quattro deputati cristiani, scrive Hurriyet online. A Istanbul è stata eletta la capolista del partito socialdemocratico di opposizione Chp la cristiana armena Selina Dogan. “Non vogliamo divisioni nella nostra società. Vogliamo crescere e svilupparci insieme” aveva detto il leader del Chp Kemal Kilicdaroglu in aprile presentando la candidatura di Dogan, un avvocato. Altri due deputati cristiani sono stati eletti a Istanbul, la giornalista Markar Esayan con il partito Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan e Garo Paylan nella lista del partito pro-curdo Hdp di Salahattin Demirtas. Anche loro fanno parte della minoranza cristiana armena. L’avvocato cristiano siriano Erol Dyra è stato eletto invece deputato con l’Hdp a Mardin, nell’Anatolia meridionale. Per la prima volta inoltre entrano nel parlamento di Ankara due rappresentanti della minoranza yazidi, vittima di atrocità da parte dei terroristi jihadisti dell’Isis di recente in Iraq. Feleknas Uca e Ali Atalan sono stati eletti sulle liste dell’Hdp a Diyarbakir e a Batman.

© riproduzione riservata

 

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/elezioni-turchia-erdogan-perde-la-maggioranza.aspx