Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
29 Ottobre 2021

TURCHIA/SIRIA – (29 Ottobre 2021)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

La ‘controversia delle banane’ specchio dell’ostilità turca verso i profughi siriani

Sotto inchiesta 31 persone per i filmati diffusi in rete; 11 gli arrestati e 7 già rimpatriati. Lo scontro nato da una protesta di un cittadino turco che, a causa della crisi, dice di non potersi permettere nemmeno le banane. Sullo sfondo la classe dirigente turca, unita fra maggioranza e opposizione, che dopo anni di accoglienza in nome dell’islam vuole ricacciare in Siria i rifugiati.

Istanbul (AsiaNews/Agenzie) – Per aver condiviso in rete e sui social immagini e video “provocatori” in cui mangiano una banana, le autorità turche hanno fermato e deportato un gruppo di rifugiati siriani. La controversia attorno al frutto della “discordia” è nata nei giorni scorsi, quando un cittadino turco si è lamentato affermando che la povertà gli impedisce ormai di acquistare gli alimenti base della vita quotidiana, compreso un chilo di banane. La causa della crisi, a suo dire, è imputabile all’enorme quantità di profughi che Ankara ospita sul proprio territorio. Da qui la risposta ironica di alcuni siriani, che non è però piaciuta alle autorità.

“Persino voi vivete in modo più agiato di me, che non posso nemmeno mangiarmi una banana, mentre voi ne comprate a chili”, afferma l’uomo nel filmato girato il 17 ottobre scorso a Istanbul, mentre rimprovera una studentessa siriana. Alle accuse si unisce anche una donna turca, puntando il dito contro i migranti siriani che, a suo dire, si “godono” uno stile di vita “sontuoso” in Turchia, invece di tornare in patria e combattere. Nessuno spazio al tentativo di replica della ragazza, che dice di non aver più un posto o una casa in cui tornare.

Al momento sono finiti sotto inchiesta 31 rifugiati siriani, 11 dei quali sono stati arrestati e sette deportati oltre confine per le loro “provocazioni”. Altri 11 sospettati risultano latitanti e la polizia ha avviato le ricerche per individuarli. Fra i capi di accusa vi sono quelli di “fomentare odio e ostilità” nell’opinione pubblica. In un momento di grave crisi, non solo economica, ma anche sociale, i video rappresentano un tema sensibile che rischiano di fomentare l’ira fra i cittadini, mentre il governo  impegnato a placare il malcontento e il calo nei consensi che riguarda lo stesso partito di maggioranza Akp (Partito della giustizia e dello sviluppo).

Del resto il fronte contro i migranti è sempre più ampio e sembra unire governo e opposizione. In un’intervista all’Hurriyet Daily News, Kemal Kılıçdaroğlu, leader del Partito popolare repubblicano e capo del fronte antigovernativo, ha promesso di rispedire oltre confine tutti i rifugiati siriani e afghani entro due anni dall’ascesa al potere. “Non sono razzista, ma sono molto sensibile a questo tema. Non sono arrabbiato con le persone che sono venute qui – ha aggiunto – ma con le persone che le hanno fatte venire qui”. La Turchia, ha concluso, fatica a dar da mangiare ai propri cittadini e “non può farsi carico dei rifugiati”.

In una nazione di 82 milioni di abitanti, che ha accolto fino a 3,6 milioni di rifugiati siriani, le conseguenze della pandemia di coronavirus si sono sommate a una situazione economica e finanziaria che si era già fatta difficoltosa nell’ultimo periodo. E che ha, di fatto, trasformato i vicini da “fratelli musulmani” da accogliere secondo gli slogan del presidente Recep Tayyip Erdogan a ospiti indesiderati che sottraggono risorse alla popolazione locale e acuiscono la povertà sociale.

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.asianews.it/notizie-it/La-controversia-delle-banane-specchio-dellostilità-turca-verso-i-profughi-siriani-54388.html