Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
24 Novembre 2015

TURCHIA/RUSSIA – ( 24 Novembre 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Ankara


Jet abbattuto da Ankara, l’ira di Putin

 

 

24 novembre 2015

 

 
 

Un bombardiere russo ​Sukhoi-24 decolla dalla base siriana di Latakia (Lapresse)

 

“Questo tragico evento avrà gravi conseguenze per le relazioni russo-turche”. È la reazione del presidente russo Vladimir Putin all’abbattimento da parte della Turchia di un aereo militare russo impegnato in Siria.

“Abbiamo sempre trattato la Turchia come non solo un vicino, ma come uno stato amico. Non so chi aveva bisogno di ciò che è successo, comunque non noi”, ha detto Putin, che ha definito l’azione “una pugnalata alle spalle”.

Bombardiere abbattuto. L’aereo da guerra russo, un Sukhoi-24, bombardiere tattico a bassa quota, è stato abbattuto da caccia F-16 turchi in una zona vicino al confine tra Turchia e Siria. In un video si vedono i due piloti che si paracadutano fuori. L’aereo è esploso in volo ed è precipitato sulle montagne in territorio siriano, a nord della città costiera di Latakia dove fanno base i jet russi impegnati nei bombardamenti sulla Siria.

I piloti «uccisi dai ribelli». I ribelli siriani anti Assad rivendicano l’uccisione di entrambi i piloti mentre scendevano con il paracadute, probabilmente cercando di dirigersi in una zona controllata da Damasco. “Abbiamo sparato a entrambi mentre stavano
atterrando con il paracadute. I loro corpi sono qui” ha detto un comandante dei ribelli sentito da un’agenzia turca. Un video diffuso dagli stessi miliziani mostra il presunto cadavere di uno dei due: nelle immagini, girate con un telefonino, si vedono combattenti che parlano arabo attorno al corpo di un militare che indossa l’imbragatura di espulsione.

«Ignorati gli avvertimenti». L’aereo è stato abbattuto perché aveva violato lo spazio aereo della Turchia e aveva ignorato gli avvertimenti. Le Forze Armate di Ankara hanno detto di avere avvertito per ben dieci volte in cinque minuti il jet russo Su-24 prima di colpirlo”.

L’ordine è partito dal premier. L’ordine di abbattere il jet militare in base alle regole d’ingaggio dell’esercito è giunto dal premier turco, Ahmet Davutoglu, informato della violazione dello spazio aereo dal capo di Stato maggiore, Hulusi Aka.
davutogluLapresseFo_48523585.jpg
Il premier turco Davutoglu

Mosca nega lo sconfinamento. “Per l’intera durata del volo l’aereo è stato esclusivamente sul territorio siriano. Questo è stato registrato da affidabili metodi di monitoraggio”, si legge in una dichiarazione del ministero della Difesa di Mosca.

Colloquio premier-Erdogan. Il presidente turco Recep Tayyp Erdogan è stato informato dal capo dell’esercito sull’abbattimento dell’aereo da guerra avvenuto al confine con la Siria e parlerà di questo con il premier Ahmet Davutoglu.
erdoganLapresseFo_48523189.jpg
Il presidente turco Erdogan

Mosca cancella la visita di Lavrov. È stata cancellata la visita ad Ankara, prevista per mercoledì, del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che avrebbe dovuto incontrare l’omologo turco con l’obiettivo di migliorare le relazioni diplomatiche e rafforzare la lotta comune contro il Daesh (Is o Isis). In agenda c’erano colloqui sulla crisi siriana, dove Russia e Turchia si trovano ad avere posizioni distanti, con la prima che sostiene Assad e la seconda che chiede la sua deposizione.

Mosca ha inoltre sconsigliato ai propri cittadini i viaggi in Turchia. I rapporti tra Turchia e Russia sono in uno stato critico a causa delle ripetute violazioni dello spazio aereo turco da parte di velivoli russi da quando Mosca ha iniziato a bombardare in Siria, il 30 settembre, su richiesta del presidente Bashar al-Assad.

I precedenti. È la prima volta che la Turchia abbatte un aereo con piloti. Ma nei mesi scorsi c’erano stati diversi avvertimenti ribaditi anche dalla Nato, e l’abbattimento di un drone. Per ben 13 volte, dal 3 al 10 ottobre, è stata sfiorata una collisione tra aerei russi e turchi vicino al confine tra la Siria e la Turchia, secondo quanto dichiarato dal vice ministro degli Esteri turco Ali Kemal Aydin.

Riunione straordinaria della Nato. “Su richiesta della Turchia, il Consiglio del Nord Atlantico terrà una riunione straordinaria” alle 17 ora italiana, ha riferito una fonte dell’Alleanza, spiegando che durante il vertice le autorità di Ankara informeranno gli alleati della Nato sull’abbattimento del caccia russo. Il Consiglio del Nord Atlantico è formato dagli ambasciatori dei 28 Paesi membri della Nato. A inizio ottobre il Consiglio Atlantico si era riunito su richiesta della Turchia per le ripetute violazioni dello spazio aereo turco da parte di caccia russi.

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/turchia-abbatte-jet-guerra-confine-siria-invoca-nato.aspx