Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Aprile 2015

VATICANO/TURCHIA – ( 15 Aprile 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Santa Sede

«Armeni, il Papa è chiaro: riconciliazione»
 
 
 
​Erdogan-choc su Papa e armeni

COMMENTI Il vero nome degli eventi di Anna Foa | La rimozione impossibile di Giorgio Ferrari

LE IMMAGINI di Romano Siciliani

 
 
​Erdogan e il Papa lo scorso novembre a Ankara (Lapresse)

 
 
 

“Abbiamo avuto una linea molto precisa e coerente, vorrei rimanere su questa”. “Il discorso è stato molto chiaro per chi lo voleva cogliere, molto ricco, anche con un riferimento positivo al desiderio di riconciliazione e dialogo tra popolo turco e popolo armeno”. Così il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, torna sulla polemica e sulla dura reazione suscitata dalle parole del Papa che domenica scorsa ha definito il massacro degli armeni un “genocidio”.

“Da parte mia – ha detto ancora Lombardi – o di altri non doveva essere ulteriormente spiegato o difeso: se da parte turca ci sono state reazioni ne prendiamo atto, ma non abbiamo ritenuto il caso di fare una polemica, battibecchi, prendiamo atto che ci sono state reazioni”.

“Quello che ha detto il Papa – ha continuato padre Lombardi – mi sembra chiaro come il sole: lo ha detto, lo ha articolato, ha fatto riferimento alla dichiarazione comune di Giovanni Paolo II e Karekin, cioè ha usato il termine genocidio mettendosi in continuità con un uso già compiuto di quella parola, ha sottolineato la contestualizzazione storica, ricordando che era uno di tante altre cose orribili successe nel secolo scorso e che stanno succedendo ancora”.

Poi, continuando il discorso il portavoce vaticano ha tenuto a sottolineare: “Ho trovato interessante il tema della commissione storica mista e degli archivi storici di cui ha parlato Erdogan l’altra sera, credo sia una tematica su cui l’evento di domenica ha dato un ulteriore impulso forte per una riflessione, anche nella prospettiva del Papa per una riflessione che coinvolge anche l’attualità, che sia di lezione per la storia e per l’oggi, con l’intenzione e il desiderio di un’ulteriore riflessione e dialogo”.

Oggi peraltro monsignor Raphael Minassian, arcivescovo cattolico di Armenia, Georgia e Russia a Erevan, ha consegnato a Papa
Francesco un libro, un dossier di oltre 1.120 pagine sul genocidio
degli armeni. “Lui lo ha ricevuto commosso e mi ha detto che la
preghiera e la solidarietà umana sono la sua forza”, ha detto lo stesso arcivescovo all’AdnKronos. La documentazione riporta fonti storiche ed ecclesiali raccolte in tutto il mondo in questi anni, di tutte le lingue, le culture, le fedi religiose – racconta l’alto prelato -. Comprende pubblicazioni, conferenze, tesi, testimonianze, armene e turche, italiane e francesi, russe e inglesi”.

Le minacce del Presidente turco
Da parte sua, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha anticipato che “ignorerà” la risoluzione sul genocidio armeno che l’Europarlamento dovrebbe approvare oggi. “Entrerà da un orecchio e uscirà dall’altro” ha detto. Non solo: il presidente ha anche detto che gli oltre 100mila armeni che lavorano in Turchia non sono cittadini turchi e dunque “li potremmo espellere anche se ancora non lo abbiamo fatto”; una minaccia già paventata nel 2010.

Ancora più dure le parole del premier turco Ahmet Davutoglu, che oggi ha accusato il Papa di avere aderito al “fronte del male” che complotterebbe contro la Turchia. “Un fronte del male s’è formato contro di noi, ora pure il Papa vi ha aderito”, ha detto.

La Turchia teme altri riconoscimenti internazionali del genocidio in vista delle commemorazioni per il primo centenario in programma nella capitale dell’Armenia, Erevan, il 24 aprile.

© riproduzione riservata

 

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/padre-lombardi-papa-chiaro-armeni.aspx