Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
26 Febbraio 2013

ZANZIBAR – ( 26 Febbraio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Zanzibar. La denuncia del vescovo: “Sacerdoti e fedeli nel mirino degli estremisti”



C’è paura nella comunità cattolica di Zanzibar, in Tanzania, nel mirino dei fondamentalisti islamici. La denuncia arriva dal vescovo, mons. Augustine Shao, ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) e viene riferita dall’agenzia Zenit. Nell’isola, infatti, si moltiplicano gli attentati contro sacerdoti e persone di fede cattolica: l’assassinio di padre Evariste Mushi, lo scorso 17 febbraio, in ricordo del quale in questi giorni si sono svolte celebrazioni in tutte le diocesi del Paese, è solo l’ultimo di una serie; il giorno di Natale un altro prete, Ambrose Mkenda, è stato ferito. Ma la violenza degli estremisti in un’isola che per il 95% è di fede islamica, si scaglia anche contro i musulmani moderati: a novembre uno sceicco che invocava il dialogo interreligioso è stato sfregiato con l’acido. “È chiaro che siamo stati presi di mira dai fondamentalisti”, ha detto il presule, esortando la comunità internazionale a fare pressione su Dodoma e Zanzibar “affinché venga posto un freno alla violenza”. Intanto le comunità colpite hanno ricevuto la solidarietà del presidente tanzaniano Jakaya Kikwete che ha promesso indagini rapide e accurate. Anche Acs ha denunciato un’escalation di violenza interreligiosa a Zanzibar e un aumento delle tensioni in seguito all’arresto di alcuni attivisti, dei quali sigle come l’associazione per la mobilitazione e la propaganda islamica Uamsho – che mira alla secessione in Tanzania e all’introduzione della sharìa come principale fonte di diritto – chiedono a gran voce la liberazione. (R.B.)

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2013/02/26/zanzibar._la_denuncia_del_vescovo:_%E2%80%9Csacerdoti_e_fedeli_nel_mirino/it1-668371
 

del sito Radio Vaticana