Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
3 Maggio 2016

AFGHANISTAN – ( 3 Maggio 2016 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
La storia

Quel bimbo afghano che sognava Messi
 
 
A.M.B.
 
 
 
 
 
 
 
Sembrava una storia a lieto fine, invece ha un triste epilogo. Ricordate il piccolo afghano che giocava a pallone indossando un sacchetto di plastica a righe bianche e celesti come se fosse la maglia della nazionale argentina di Messi?

messi2.jpg

Murtaza Ahmadi, 5 anni, su web diventò una star. La sua foto fece il giro del mondo e un giornalista della Bbc riuscì a rintracciare la sua famiglia, nella provincia afghana centrale di Ghazni. Tramite l’Unicef, il 25 febbraio scorso il bimbo ricevette una maglia originale della nazionale argentina autografata dallo stesso attaccante del Barcellona Leo Messi. Lieto fine da applausi.

bimboafganook39e6b83fbc_50901452.jpg
Murtaza con la maglia ufficiale di Mussi (foto Unicef)

Ma nella vita, si sa, il finale è sempre provvisorio. A distanza di mesi si apprende che la famiglia ha dovuto lasciare l’Afghanistan a causa delle minacce telefoniche che riceveva da quando Murtaza era diventato famoso. Ora vivono in Pakistan, a Quetta. “La vita era diventata insopportabile” si sfoga il padre di Murtaza, Mohammad Arif Ahmadi, intervistato dall’agenzia Ap. Temevano persino che il piccolo venisse rapito.

bimbopadreLapresseFo_50901492.jpg
Il piccolo Murtaza con il padre (Lapresse)

La speranza è che ci siano altre sorprese, questa volta liete, nella vita di Murtaza e dei suoi familiari. Neanche oggi è detta la parola fine.

 
 
© riproduzione riservata
 
Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/afghanistan-bimbo-maglietta-messi-minacciato.aspx