Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Luglio 2011

AFRICA/LIBIA – (4 Luglio)

"“Prego per la riconciliazione tra i libici" dice Mons. Martinelli da Tripoli
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Tripoli (Agenzia Fides) – “Occorre un dialogo sincero per mantenere la Libia unita. Spero che i libici si riconcilino. Auspico una riconciliazione sincera tra Tripoli e Bengasi, senza pregiudizi e senza rivendicazioni particolari. Prego perché la Libia non si divida e perché i libici possano riconciliarsi” dice all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, Vicario Apostolico di Tripoli.
Di fronte all’accentuazione delle pressioni interne e internazionali perché il leader Gheddafi si faccia da parte, e la condanna per crimini contro l’umanità della Corte Penale Internazionale, Mons. Martinelli afferma: “è realmente difficile pensare ad un allontanamento spontaneo di Gheddafi perché, come ha di recente ribadito il figlio, il leader intende rimanere in Libia. Dal punto di vista formale, Gheddafi non è né il Presidente né il Premier della Libia, ma è certamente un simbolo di questo Paese che negli ultimi 40 anni è cresciuto con lui. Credo che bisogna capire lo spirito di quest’uomo che si sente in qualche modo come ‘padre’ della Libia moderna. Certamente vi sono accuse nei suoi confronti che potranno essere giudicate, ma occorre tener conto di questa realtà, per non creare dialoghi campati in aria”.
Mons. Martinelli ricorda inoltre che “migliaia e migliaia di persone, qualcuno dice un milione, ma è una cifra eccessiva, hanno dimostrato venerdì 1° luglio e nei giorni successivi il loro sostegno al leader Gheddafi”. Per quanto riguarda la situazione a Tripoli, Mons. Martinelli afferma che “i bombardamenti continuano, anche se non a Tripoli, dove negli ultimi 2-3 giorni non abbiamo avvertito lo scoppio delle bombe ma solo il rumore degli aerei che hanno sorvolato la città ad alta quota”. (L.M.) (Agenzia Fides 4/7/2011)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=36758&lan=ita