Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
8 Settembre 2020

ASIA/FILIPPINE – (8 Settembre 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/FILIPPINE – Cristiani e musulmani uniti per celebrare e agire nel “Tempo del Creato”

martedì, 8 settembre 2020 salvaguardia del creato   ambiente   laudato si’   islam   cristianesimo  

Puerto Princesa (Agenzia Fides) – Nello spirito di costruire insieme il bene comune, volontari cristiani e musulmani si riuniscono per celebrare e vivere il “Tempo del Creato”, annunciato da Papa Francesco, che, iniziato il 3 settembre, durerà nelle Filippine fino all’11 ottobre. Tra le iniziative messe in campo, riferite all’Agenzia Fides, vi è quella di ripulire il litorale di un villaggio costiero a Puerto Princesa City, sull’isola di Palawan, nelle Filippine centrali. Il Vicariato Apostolico di Puerto Princesa, guidato dal Vescovo Socrates Mesiona, ha accolto, appoggiato e promosso l’iniziativa in quanto la Chiesa locale ha voluto dare un proprio contributo di sensibilizzazione e azione durante il “Tempo del Creato”. “E’ compito di tutti prendersi cura della nostra casa comune”, ha detto, denunciando “la cultura dello scarto della società odierna”. “Abbiamo religioni diverse e credenze diverse – afferma il Vescovo nella nota giunta a Fides – ma viviamo nello stesso mondo. Tutti siamo chiamati a fare nostra la spiritualità della protezione del Creato, che è opera di Dio”.
Hadji Arturo “Abdulaziz” Suizo, leader musulmano di Puerto Princesa, ha concordato affermando che “l’Islam dà molta importanza alla causa della salvaguardia del Creato. Tutelandolo, proteggiamo le generazioni future”, ha detto.
Incentrato sul tema “Un giubileo per la Terra”, il Tempo del Creato si distingue nelle Filippine per il coinvolgimento di oltre 70 associazioni della società civile e di gruppi interreligiosi, che includono i fedeli musulmani. In tale cornice la comunità di Palawan, con persone cristiane e musulmane, avrà anche un’attività di piantagione di alberi sulla montagna di Irawan, dopo che, lo scorso anno, il Vicariato ha promosso la piantagione di 10.000 alberi nella riserva protetta del Monte Mantalingahan.
L’attività di piantagione tocca anche altre province, come quella dell’isola di Bohol, dove la Chiesa locale ha promosso la piantagione di oltre 60mila alberelli. Mons. Pablo Virgilio David di Kalookan, presidente ad interim della Conferenza episcopale delle Filippine, ha chiesto a tutte le diocesi e parrocchie di “prendere l’iniziativa di integrare la campagna per la tutela del Creato in tutti i ministeri e i campi di apostolato della pastorale della Chiesa”, rimarcando che “non è mai troppo tardi per agire per la cura della casa comune”, nello spirito della Laudato si’.
(SD-PA) (Agenzia Fides 8/9/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://fides.org/it/news/68591-ASIA_FILIPPINE_Cristiani_e_musulmani_uniti_per_celebrare_e_agire_nel_Tempo_del_Creato