Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
20 Gennaio 2020

ASIA/PAKISTAN – (20 Gennaio 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

ASIA/PAKISTAN – Chiuse le celebrazioni degli 800 anni dell’incontro tra San Francesco e il Sultano: un impegno di pace in Pakistan

lunedì, 20 gennaio 2020 dialogo   islam   minoranze religiose   diritti umani   preghiera   pace  

Lahore (Agenzia Fides) – Con una lettura congiunta di brani della Sacra Bibbia e del Corano, si è tenuta nei giorni scorsi a Lahore la cerimonia di chiusura delle celebrazioni che commemorano gli 800 anni dal colloquio tra San Francesco d’Assisi e il Sultan Al-Kamil, avvenuto nel 1219: l’ottavo centenario di quello storico incontro ha avuto vasta eco in Pakistan nel corso di tutto il 2019. A Lahore si è celebrata la chiusura dello speciale Giubileo, in un incontro alla presenza di numerosi leader cristiani e musulmani.
Come appreso da Fides, tra i presenti, l’Arcivescovo Christophe Zakhia El-Kassis, Nunzio Apostolico in Pakistan, ha sottolineato che “l’incontro di San Francesco d’Assisi con il Sultano si è verificato in una atmosfera di paura e pericolo, ma quella paura si è trasformata in dialogo che ha portato alla pace e all’amicizia”. “Possiamo imparare a promuovere la pace e la coesistenza da San Francesco d’Assisi e dal Sultano”, ha aggiunto, promettendo “sostegno per la promozione della pace, dell’armonia, della tolleranza nella società” e trasmettendo i saluti di Papa Francesco.
Accanto a lui, mons. Sebastian Francis Shaw, Arcivescovo di Lahore e Presidente della Commissione nazionale per il dialogo interreligioso e l’ecumenismo, nella Conferenza episcopale cattolica del Pakistan, ha concordato, affermando che “è necessario accettarsi l’un l’altro nella società, come hanno fatto San Francesco d’Assisi e il Sultan Al-Kamil, per promuovere una convivenza pacifica”.
Tra le autorità civili, Ijaz Alam Augustine, Ministro provinciale per i diritti umani e le minoranze e Ministro del dialogo interreligioso in Punjab, ha dichiarato di “apprezzare la significativa cerimonia” notando che “il governo promuove la tolleranza e l’armonia nella società e intende continuare a sviluppare una politica di pace e armonia interreligiosa al fine di promuovere lo spirito di convivenza nella società”.
Numerosi leader religiosi musulmani e indù hanno partecipato a questa cerimonia, assicurando il loro impegno “a sostenere la causa dell’umanità per una società prospera e armoniosa in Pakistan, tenendo presente l’iniziativa di pace vissuta secoli fa da San Francesco d’Assisi e del Sultano”.
Nell’assemblea vi erano studenti di diverse scuole che hanno presentato una performance teatrale ispirata alla preghiera di pace di San Francesco d’Assisi e al brano nazionale pakistano “Is percham k saye talay eik hain – Siamo una cosa sola”. I giovani dello studentato francescano Cappuccino a Lahore hanno presentato una drammatizzazione dell’incontro di San Francesco d’Assisi con il Sultano. La cerimonia si è conclusa con un solenne impegno da parte di tutti i presenti a essere “strumenti e operatori di pace in Pakistan”. (PA) (Agenzia Fides 20/1/2020)

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.fides.org/it/news/67264-ASIA_PAKISTAN_Chiuse_le_celebrazioni_degli_800_anni_dell_incontro_tra_San_Francesco_e_il_Sultano_un_impegno_di_pace_in_Pakistan