Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
17 Settembre 2011

ASIA/AFGHANISTAN – (17 Settembre)

I Gesuiti: mai più bombe a grappolo, più speranze per il paese
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Kabul (Agenzia Fides) – I missionari Gesuiti in Afghanistan hanno accolto con favore l’avvenuta ratifica, annunciata dal governo di Kabul, della Convenzione Internazionale per la messa al bando delle bombe a grappolo, che ne vieta l’uso, la produzione, lo stoccaggio e il trasferimento. “I cittadini afgani hanno sofferto molto per l’uso delle bombe a grappolo. Ratificando il trattato, gli afgani non saranno più vittime di queste armi spregevoli, ma diverranno avvocati della loro messa al bando”, commenta, in una nota inviata a Fides, p. Peter Balleis, Direttore internazionale del “Jesuit Refugee Service”. Secondo i Gesuiti presenti in Afghanistan, l’eliminazione delle bombe a grappolo “è un passo per dare maggiore speranza di pace al futuro del paese, dove vi sono circa 10mila militanti che catalizzano l’attenzione internazionale, su 33 milioni di afgani desiderosi di pace”.
L’Afghanistan aveva firmato la Convenzione nel 2008 in Norvegia, ma solo l’8 settembre scorso l’ha ratificata, dando al provvedimento efficacia giuridica: agli stati firmatari si chiede di sbarazzarsi degli arsenali di tali munizioni.
Le bombe a grappolo hanno avuto un effetto devastante sul paese. Utilizzate sin dal 1980 dalle milizia sovietiche, poi dai grippi ribelli negli anni ‘90 e dalle forze Usa nel 2001-2002, hanno fatto oltre 770 vittime documentate e migliaia di feriti e mutilati, spesso bambini.
Il “Jesuit Refugee Service” opera in Afghanistan dal 2005, quando un team di gesuiti indiani ha avviato programmi nel campo dell’istruzione superiore e universitaria che beneficiano oltre 3.600 giovani. In un altro programma, i gesuiti assistono i profughi rientrati in Afghanistan e, inoltre, i religiosi hanno attivato anche programmi di formazione e sviluppo dedicati specificamente alle donne. (PA) (Agenzia Fides 17/9/2011)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=37233&lan=ita