Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Novembre 2011

ASIA/PAKISTAN – (15 Novembre)

Un Vescovo e un Pastore costretti a fuggire all’estero per false accuse di blasfemia
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Lahore (Agenzia Fides) – Il Vescovo protestante Mons. Pervaiz Joseph e il Pastore Baber George sono stati costretti a fuggire all’estero, perchè vittime di false accuse di blasfemia e minacciati di morte da radicali islamici, nonché da leader di un’organizzazione finanziata dal governo pakistano. E’ quanto comunica all’Agenzia Fides il Pastore Mustaq Gill, Presidente della “Legal Evangelical Association Development” (LEAD), associazione di cristiani di tutte le confessioni, che include soprattutto avvocati e offre assistenza legale e protezione ai fedeli cristiani in Pakistan. La LEAD, riferisce a Fides il Presidente, “ha organizzato l’espatrio dei due leader, in pericolo di vita, e oggi provvede a garantire un rifugio sicuro alle loro famiglie”. “E’ una vicenda molto triste ed emblematica delle persecuzioni che i cristiani subiscono in nome della legge sulla blasfemia”, spiega Gill a Fides, in quanto “il Vescovo è personalità nota e molto impegnata nel dialogo interreligioso e nella pace a livello nazionale e provinciale in Punjab”. Il Vescovo e il Pastore, che operavano entrambi nell’area di Lahore (in Punjab), negli ultimi sette anni hanno incontrato diversi leader politici e religiosi musulmani, affrontando molte questioni riguardanti la legge sulla blasfemia e le condizioni dei cristiani. “Nelle scorse settimane – spiega il Pastore Gill – proprio durante uno di questi scambi di opinioni, sono stati accusati di aver usato parole sprezzanti contro il Profeta Maometto, reato che i due non hanno in alcun modo commesso”. Il Vescovo, riferisce la fonte di Fides, era il rappresentante cristiano dell’organismo “International Peace Council For Interfaith Harmony” (IPCIH), che riceve finanziamenti dal governo pakistano. Proprio il leader di tale Consiglio, Haji Rana Tahir Rehmat, insieme ad altri capi religiosi islamici del movimento islamico “Sunni Tehreek”, hanno lanciato le false accuse di blasfemia, delegittimando i leader cristiani e mandando a monte anni di lavoro comune. Secondo alcuni, i due cristiani sono divenuti invisi al Consiglio perché avrebbero deciso di avviare una nuova associazione a tutela dei diritti delle comunità cristiane in Pakistan. Interpellato dall’Agenzia Fides, il cattolico Akram Gill, Ministro di stato nel “Ministero federale per l’Armonia”, ha assicurato che “acquisirà tutte le informazioni necessarie sul caso e prenderà opportuni provvedimenti”, ribadendo l’impegno del governo pakistano per il dialogo interreligioso. (PA) (Agenzia Fides 15/11/2011)

Il testo completo si trova su:

 
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=37714