Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Maggio 2020

IRAN – (4 Maggio 2020)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Teheran riapre scuole e moschee nelle ‘città-bianche’, a basso rischio Covid-19

Il governo pianifica un allentamento generale delle restrizioni introdotte nella prima fase della pandemia. Il bilancio aggiornato è di 95mila contagi e oltre 6200 vittime. Nella prima fase di Ramadan le autorità hanno promosso cerimonie e funzioni con la modalità “drive-in”. Allentamento delle restrizioni alle attività economiche anche in Giordania e negli Emirati.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) – L’Iran è pronta a riaprire moschee e scuole nelle aree in cui il coronavirus è ormai in ritirata; al contempo, il governo guidato dal presidente Hassan Rouhani sta pianificando un allentamento generale delle restrizioni introdotte nelle prime fasi della pandemia. Per settimane la Repubblica islamica è stata la nazione più colpita in Medio oriente dal Covid-19, oggi superata dalla Turchia per numero di casi, ma non per vittime, che resta il più alto.

Secondo il bilancio aggiornato in Iran vi sono circa 95mila casi confermati di nuovo coronavirus e le vittime sono poco più di 6200.

Da metà marzo le autorità di Teheran hanno chiuso i luoghi di culto e proibito gli incontri di natura religiosa; da qui la scelta di promuovere cerimonie con la modalità del “drive-in” per tutto il Ramadan, il mese sacro di digiuno e preghiera. Per giorni le tv di Stato e i media hanno rilanciato le immagini di persone a bordo delle proprie auto, mentre assistono a funzioni proiettate su maxi-schermi nei parcheggi di Teheran.

Da oggi “riapriranno le moschee in 132 città-bianche” considerate a “basso rischio”. In queste aree “riprenderanno anche i sermoni del venerdì”. Tutti i provvedimenti, conclude Rouhani, verranno presi “nel rispetto dei protocolli sanitari”, con un riferimento alla suddivisione operata dal ministero della Sanità in aree bianche, gialle e rosse basate sul numero di infezioni e di vittime.

In precedenza la Repubblica islamica aveva già rimosso il divieto di viaggio fra città e disposto la riapertura dei centri commerciali. Restano chiuse le scuole e università, proibite le riunioni di carattere culturale e sportivo. Sempre in questi giorni anche Giordania ha tolto i limiti alle attività economiche e ad Abu Dhabi riaprono i centri commerciali, seppur con un ingresso contingentato.

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.asianews.it/notizie-it/Teheran-riapre-scuole-e-moschee-nelle-città-bianche,-a-basso-rischio-Covid-19-49979.html