Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
15 Dicembre 2011

IRAQ – (15 Dicembre)

Iraq. Il nunzio a Baghdad: “Natale vissuto senza grandi espressioni esteriori”
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
In Iraq, ancora violenze contro la comunità cristiana. L’ultimo episodio è avvenuto martedì scorso, quando due cristiani sono stati assassinati a Mosul. “Le cause non sono note e gli aggressori non sono stati identificati”, sottolinea all’agenzia Fides mons. Amel Shamon Nona, arcivescovo caldeo di Mosul, che esprime “vicinanza e preghiera per la famiglia”. Sull’episodio e sulla situazione della comunità cristiana, in attesa del Natale, si è espresso anche mons. Giorgio Lingua, nunzio apostolico in Iraq: “Non si conoscono ancora i motivi del delitto. Occorre fare attenzione a non legare ogni episodio di violenza all’odio religioso. Avvengono incidenti per vari motivi, in un clima generalizzato di violenza: oggi non direi che in Iraq c’è una persecuzione dei cristiani in quanto tali. Ci sono anche segni di speranza. Certo – spiega il nunzio all’agenzia Sir – i fedeli sono impauriti: la paura è frutto di anni e di passaggi tristi della storia recente, in cui la comunità è stata colpita. E si deve notare, inoltre, la presenza dei gruppi fondamentalisti islamici. Ma i cristiani vivono i pericoli che sopportano tutti”. Il prossimo Natale, conclude il nunzio, “sarà celebrato con le stesse precauzioni degli anni passati: le celebrazioni si svolgeranno di giorno, le chiese saranno protette, e senza grandi espressioni esteriori. Lo vivremo con preoccupazione ma con fiducia e tranquillità”. (A.L.)


Il testo completo si trova su:

 
http://www.radiovaticana.org/it1/print_page.asp?c=546462