Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
12 Maggio 2014

NIGERIA – ( 12 Maggio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Nigeria. Boko Haram, video su ragazze rapite: libere in cambio di prigionieri rilasciati



Novità sul caso delle quasi trecento studentesse rapite nel mese scorso in Nigeria da gruppo integralista islamico Boko Haram, che ha diffuso stamani un nuovo video dove compaiono un centinaio delle giovani coperte dal velo, raccolte in preghiera, e si sente la voce del leader del movimento, Abubakar Shekau, proporre la liberazione delle adolescenti in cambio del rilascio di prigionieri appartenenti al movimento. Roberta Gisotti ha intervistato la prof. Anna Bono, docente di Storia e istituzioni dell’Africa all’Università di Torino:RealAudioMP3

“Vogliamo vedere azioni concrete per riportare a casa le ragazze rapite”, ha chiesto il cardinale John Onaiyekan, arcivescovo di Abuja. Ed ha aggiunto: “E’ sconcertante che il nostro presidente sembri impotente”. Prof.ssa Bono, possiamo interpretare il video e l’offerta di Boko Haram come gesto di apertura e risultato alle pressioni internazionali per liberare le giovani nigeriane?

R. – Indubbiamente, la mobilitazione internazionale ha avuto la sua importanza nel decidere Boko Haram a intraprendere un passo che non possiamo che sperare sia positivo. Nei giorni scorsi, vista l’incapacità – forse anche la scarsa volontà del governo nigeriano di agire efficacemente e di ritrovare le ragazze rapite – una serie di Paesi a partire dagli Stati Uniti, Italia compresa, hanno messo a disposizione del governo di Abuja forze di intelligence, specialisti nel settore dei rapimenti, proponendo inoltre di creare una struttura più organica, e magari anche destinata a durare, per intervenire in Nigeria non soltanto per risolvere questo problema, ma per affrontare in modo finalmente efficace il problema di Boko Haram, questo movimento che ormai da anni imperversa nel Nord – e non solo nel nord della Nigeria – nella sua intenzione di porre la sharia in tutto il Paese e che è altresì responsabile ormai di migliaia e migliaia di morti.

D. – Avrà quindi anche contato la proposta fatta ieri dal presidente francese, Hollande, di tenere un vertice sulla sicurezza nell’Africa Occidentale e sulla minaccia rappresentata da Boko Haram, giù sabato prossimo a Parigi…

R. – Mi riferivo proprio a questo, specificando che, in effetti, Boko Haram e altri movimenti jihadisti ad esso legati rappresentano un problema non soltanto per la Nigeria, ma per tutta l’Africa occidentale e ormai direi anche per una fascia di Paesi dell’Africa subsahariana che arriva fino al Kenya alla Tanzania e alla Somalia.

D. – Riguardo al progetto di Boko Haram di islamizzare con forza tutte le popolazioni, che senso può avere il fatto di avere ripreso in questo video le ragazze coperte integralmente dal velo e in posizione di preghiera?

R. – Una parte di queste ragazze, forse il 90%, sono cristiane. Nel video, mi sembra di capire che Boko Haram affermi di averle costrette a convertirsi all’islam.

D. – Quindi, da un lato questa sarebbe una provocazione unita però a un’apertura a trattative?

R. – La trattativa, in sostanza, dovrebbe consistere in uno scambio di prigionieri. Mentre inizialmente, qualche giorno fa Boko Haram aveva dichiarato l’intenzione di voler in parte vendere le ragazze e in parte costringerle a sposare dei jihadisti, sembra che adesso invece, anche sotto la pressione degli ultimi avvenimenti, abbia cambiato idea e intenda chiedere la liberazione di prigionieri del movimento attualmente nelle carceri nigeriane.

D. – Un’eventuale trattativa avrà ripercussioni politiche all’interno della Nigeria?

R. – Per essere realistici, uno dei motivi che hanno indotto il governo nigeriano a muoversi, dopo quasi un mese di pressoché totale inattività, è il fatto che all’interno del Paese il rapimento delle ragazze ha provocato una reazione molto vivace e molto sentita. Non si può dire che il Paese sia insorto, ma ci sono state delle manifestazioni di protesta anche nella capitale Abuja. Il governo deve essersi reso conto che la sua credibilità, già compromessa da mesi, stava ricevendo un duro colpo. L’anno prossimo il Paese andrà alle elezioni, quindi recuperare la fiducia e il consenso della popolazione può essere uno dei motivi che – per fortuna – stanno inducendo il governo nigeriano a diventare più attivo, ad accettare la collaborazione internazionale, ad affrontare il problema di Boko Haram e dell’insicurezza.

Testo proveniente dalla pagina

 
http://it.radiovaticana.va/news/2014/05/12/nigeria._boko_haram,_video_su_ragazze_rapite:_libere_in_cambio_di/it1-798602
 

del sito Radio Vaticana