Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
30 Giugno 2011

PAKISTAN – (30 Giugno)

P.BHATTI AL SIR, "CI SERVONO AIUTI CONCRETI, NON BASTANO LE PAROLE"
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
“Certo non sono contento dell’abolizione, ma i cristiani pakistani hanno bisogno di appoggio e di aiuti concreti, al di là dell’esistenza di un ministero o meno”: così Paul Bhatti, fratello di Shabhaz e Consigliere speciale del primo Ministro sulle questioni delle minoranze religiose, commenta oggi in una intervista al SIR (clicca qui), l’abolizione in Pakistan del Ministero federale per le minoranze religiose. Il provvedimento, approvato un anno fa e che entrerà in vigore il primo luglio (riguarda altri sei dicasteri), decentrerà il Ministero alle cinque province pakistane, alle quali spetteranno tutte le competenze. Il Ministero, creato nel 2008, era stato guidato da Shabhaz Bhatti, ucciso il 2 marzo da integralisti islamici per la sua politica a difesa dei 20 milioni di cristiani pakistani. “Materialmente il potere viene conferito alle province – spiega Bhatti -. I cristiani non avranno più una voce centrale. La questione delle minoranze è abbastanza complessa, sono preoccupato per la situazione generale, perché c’è bisogno di una pressione molto forte, anche a livello centrale e internazionale”. Attualmente Bhatti sta seguendo due casi: quello di Farah, la ragazza cattolica che dicono sia stata rapita, convertita e costretta a contrarre matrimonio islamico nel Sud Punjab e di un’altra donna accusata di blasfemia. (segue)

18:10 – PAKISTAN: P.BHATTI AL SIR, “CI SERVONO AIUTI CONCRETI, NON BASTANO LE PAROLE” (2)

“Ma non ho ricevuto nessun aiuto – denuncia Bhatti -, le sto aiutando con i soldi che ho messo da parte in Italia. In Italia e in Europa si parla tanto di solidarietà ma quando si tratta di finanziare progetti concreti nessuno ci aiuta. Non ha senso denunciare in Parlamento e poi non fare nulla. Altrimenti diventa controproducente per tutti i cristiani in Pakistan. I casi vengono esaltati e aumentano le violenze nei nostri confronti: hanno ucciso mio fratello, possono uccidere anche a me”. Bhatti sottolinea: “Io non ho nessun tornaconto personale a stare qui, ma se qualcuno mi promette un aiuto mi aspetto che lo dia. Non ho ricevuto nulla. Ora i casi di blasfemia sono diventati dieci: serve appoggio legale e sostegno alle famiglie, che hanno dovuto lasciare il paese perché minacciati. Mi chiedono aiuti che non posso dare”. Sul caso di Asia Bibi confida: “Più silenzio c’è sul caso, meglio è. So che è non è accettabile per il pensiero democratico occidentale, ma così è. Per evitare altre vittime bisogna fare attenzione: se la gente ci vuole aiutare veramente non deve esaltare i casi, ma aiutarci silenziosamente e in concreto attraverso i canali giusti, dialogando con noi e con i diretti interessati”.


Il testo completo si trova su:

 
http://www.agensir.it/pls/sir/v3_s2doc_b.rss?id_oggetto=220122#220122