Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Gennaio 2015

SENEGAL – ( 23 Gennaio 2015 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Mondo Africa

Vescovi Senegal: no a terrorismo e fanatismo in nome di Dio

Manifestazione a Dakar contro le vignette – AFP

“Condanniamo con forza la violenza omicida del terrorismo e del fanatismo che sotto la facciata della religione attenta alla vita dell’uomo in nome di Dio. Questo è inaccettabile e incoerente perché la vita è un dono di Dio che deve essere rispettato e protetto” scrivono i vescovi del Senegal in una dichiarazione in relazione alla strage di Parigi. Dopo aver implorato la misericordia di Dio per le vittime, i vescovi senegalesi – riferisce l’agenzia Fides – stigmatizzano le caricature di “Mohamad, fondatore dell’Islam”, distinguendo tra la libertà d’espressione e quella di offendere i sentimenti religiosi di milioni di persone.

La libertà di espressione non è senza limiti
“Condanniamo con veemenza questa libertà che si pretende essere falsamente assoluta, senza limiti, offendendo e mancando di rispetto all’altro, nella sua dignità di uomo, nelle sue scelte, nella sua fede e nelle sue convinzioni religiose” affermano i vescovi senegalesi. 
“La religione è una fibra molto sensibile. Non giochiamo quindi con il fuoco! Per questo motivo, senza entrare mai nella logica della vendetta e della violenza, denunciamo il carattere ingiurioso di queste pubblicazioni”.

Anche i cristiani nel mirino delle vignette
I vescovi sottolineano inoltre che “tali caricature non possono e non devono, in alcun modo, essere assimilate ad azioni dei cristiani contro l’Islam, come le violente reazioni avvenute in Niger potrebbero far credere”. In Niger, tra il 16 e il 17 gennaio, varie chiese e comunità religiose hanno subito danni ingenti a causa dei manifestanti che protestavano contro le pubblicazioni del settimanale francese. Anzi, rincarano i vescovi, l’ideologia di chi pubblica queste vignette “è spesso diretta contro la religione cristiana e in particolare contro i cattolici”.

Appello contro la divisione, l’odio e la violenza
“Lanciamo questo appello per preservare il nostro caro Senegal dai demoni della divisione, dell’odio e della violenza, come hanno sempre fatto i capi religiosi cristiani e musulmani” conclude il comunicato, che invita tutti a non cedere “alla pressione delle influenze esterne, che potrebbero rimettere in causa i fondamenti della nostra società e ipotecare il nostro futuro”. (R.P.)

Il testo originale e completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2015/01/23/vescovi_senegal_no_a_terrorismo_e_fanatismo_in_nome_di_dio/1119555