Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
16 Novembre 2012

SIRIA – ( 16 Novembre )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Siria: 39 mila vittime dall’inizio del conflitto. Domani l’opposizione a Parigi


Il governo siriano è intervenuto su quanto sta accadendo nella Striscia di Gaza, criticando fortemente l’atteggiamneto israeliano. Intanto l’opposizione, uscita compatta dalla riunione di Doha, sarà ricevuta domani dal presidente francese Hollande. Ieri il riconoscimento della Turchia. Il servizio di Marina Calculli: RealAudioMP3

La guerra civile siriana si appresta ad entrare nel suo secondo inverno senza alcuna prospettiva di soluzione mentre elettricità, gasolio e cibo sono beni sempre più scarsi. Secondo l’osservatorio siriano per i diritti umani il numero complessivo delle vittime è salito a 39.000. Si combatte nella regione di Damasco e Aleppo e anche a Boukamal, al confine con l’Irak, la tensione è altissima. Intanto il presidente francese Hollande, a capo del governo che per primo ha riconosciuto la nuova coalizione formatasi a Doha come unica autorità legittima della Siria, ha annunciato che proporrà agli europei di organizzare un trasferimento d’armi difensive verso i ribelli. Sabato a Parigi il capo dell’Eliseo incontrerà Ahmed Maoz al-Khatib, il religioso moderato eletto leader della coalizione nazionale. Quest’ultima è stata riconosciuta ieri anche dalla Turchia. Da Israele invece il premier Netanyahu ha detto che in Siria le correnti della jihad globale ostili allo stato ebraico stanno diventando maggioritarie tra gli attori del conflitto.

 
Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2012/11/16/siria:_39_mila_vittime_dall’inizio_del_conflitto._domani_l’opposizione/it1-639346