Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
19 Settembre 2016

SIRIA – (19 Settembre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Il conflitto

Siria, stasera scade la tregua. Già finita

 

 

 

Scade a mezzanotte la tregua in vigore in Siria da lunedì scorso, mentre da oltre 24 ore si registra una ripresa delle ostilità. Il cessate il fuoco siglato tra Usa e Russia il 9 settembre ha portato a una netta diminuzione del numero di morti, ma da sabato almeno 170 persone sono rimaste uccise, secondo quanto reso noto dall’Osservatorio siriano per i diritti umani vicino alle milizie antigovernative.

Un dirigente delle opposizioni, George Sabra dell’Alto comitato per i negoziati, parlando con l’agenzia Ap ha definito oggi la tregua “clinicamente morta“. L’opposizione ha accusato le forze governative di avere violato la tregua 254 volte dal suo inizio. I media governativi di Damasco affermano che i ribelli l’hanno violata 32 volte solo ieri.

ERRORE USA: STRAGE DI SOLDATI. La maggior parte delle vittime, almeno 90, erano soldati di Damasco, morti in un raid della coalizione a guida Usa che “per errore” ha colpito posizioni dell’esercito siriano a Deir al Zor. Questo incidente ha posto in serio rischio l’accordo firmato da Washington e Mosca che finora non hanno annunciato il rinnovo della tregua.

BOMBE SU ALEPPO. Da parte governativa, sono stati registrati bombardamenti contro i civili mentre aerei da guerra hanno di nuovo attaccato Aleppo. I velivoli, di origine sconosciuta, hanno lanciato missili sui quartieri controllati dai ribelli e in quello di Al Sajurm dove una donna è morta e altri sono rimasti feriti. Altri dieci civili sono morti, tra cui due bambini, e decine sono rimasti feriti in un attacco da parte di elicotteri militari nella provincia meridionale di Deraa.

L’APPELLO Salviamo Aleppo, Sarajevo del Duemila di Andrea Riccardi

aleppoLapresseFo_52571583.jpg
Bombardamenti e distruzione ad Aleppo (Lapresse)

AIUTI FERMI AL CONFINE. La spedizione di aiuti umanitari delle Nazioni Unite rimane in fase di stallo sul confine turco-siriano in attesa di poter accedere ai quartieri assediati di Aleppo, come ha spiegato il portavoce Onu dell’ufficio per il coordinamento degli Affari umanitari in Siria, David Swanson. La distribuzione degli aiuti nelle zone orientali era uno dei punti dell’accordo Usa-Russia per il cessate il fuoco.

LA DENUNCIA Siria, 75mila profughi nel deserto senza aiuti

POLEMICA USA-RUSSIA. “La Casa Bianca difende il Daesh”, ha accusato la Russia, dopo aver ottenuto la convocazione di una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu. A nulla è servito il “rammarico” dell’amministrazione Obama per le perdite “non intenzionali” inflitte all’esercito siriano. La Russia ha accusato Washington di avere assunto nella riunione al Palazzo di Vetro “una posizione non costruttiva e confusa”, dimostrandosi “incapace di fornire una spiegazione adeguata” e di aver tentato “come loro abitudine, di cambiare le carte in tavola”. Ma per l’ambasciatrice Usa all’Onu, Samantha Power, la convocazione del Consiglio di sicurezza è stata “una manovra diversiva, una richiesta cinica e ipocrita”, mentre Mosca dovrebbe “concentrarsi sull’attuazione del cessate il fuoco e non su questi giochetti”.

IL DAESH NE APPROFITTA. Tra le rovine della tregua, ne approfitta come sempre il Daesh che, attraverso la propria agenzia di stampa Amaq, ha rivendicato l’abbattimento di un caccia siriano a Dayr az Zor e la distruzione con un missile di un carro armato turco a Jakkah, nella regione di Aleppo.

300MILA VITTIME. In cinque anni, la guerra ha fatto oltre 300mila morti e ha costretto a fuggire da casa metà della popolazione siriana e sarà al centro delle discussioni all’Assemblea generale delle Nazioni unite, l’annuale appuntamento internazionale che si aprirà a New York, focalizzato quest’anno sul problema delle migrazioni.

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/siria-scade-tregua-gia-tramontata-dubbi-su-estensione.aspx