Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Maggio 2016

SIRIA – ( 2 maggio 2016 )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Il conflitto in Siria

Bombe su Aleppo, pressing per fermarle
 
 
A.M.B.
 
 
 
 
​Manifestazione di siro-americani il 30 aprile a New York (Ansa web)

 
​​
 

A oltre due mesi dall’entrata in vigore della tregua in Siria, continuano a piovere bombe su Aleppo, in parte controllata dai ribelli che il regime di Bashar al Assad definisce “terroristi”.

Dopo una domenica di tregua, prima dell’alba nuovi raid aerei hanno colpito la seconda città siriana, mentre a Ginevra stavano per cominciare i colloqui del segretario di Stato americano John Kerry con l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura e i ministri degli Esteri di Giordania e Arabia Saudita. Diversi i quartieri colpiti, tra cui Bustane al-Qasr, molto popolato. Non si hanno notizie certe sul numero delle vittime.

250 vittime in 9 giorni. Negli ultimi nove giorni ad Aleppo sono stati uccisi almeno 250 civili, tra cui 49 bambini, e bombardati tre ospedali nei raid condotti da Damasco in palese violazione del cessate il fuoco del 27 febbraio.

​La mobilitazione sui social. Migliaia di utenti hanno colorato di rosso le foto dei loro profili sui social network per denunciare agli occhi del mondo il bagno di sangue in corso ad Aleppo. L’iniziativa risponde agli appelli diffusi via Twitter con gli hashtag #MakeFacebookRed, #WorldWideRedProtest e #AleppoIsBurning.

aleppoisburnigrossoaccount51632.jpg
twitterfacebookisredaleppo51632.jpg

In particolare con l’hashtag #WorldWideRedProtest si organizzano via Twitter sit-in silenziosi e pacifici in diverse città, in particolare in Germania. Stasera appuntamento a Berlino, davanti alla Porta di Brandeburgo.

facebookredprotest51632.jpg

Kerry condanna l’attacco all’ospedale. La situazione in Siria è “per molti aspetti fuori controllo” ha ammesso da Ginevra il segretario di Stato americano John Kerry. Ad Aleppo, ha aggiunto, il regime di Bashar al-Assad ha deliberatamente preso di mira tre cliniche e il principale ospedale, uccidendo medici e pazienti e minacciando la tregua. “L’attacco all’ospedale è senza scrupoli. Deve finire”.

kerrydemisturaLapresseFo_50893878.jpg
Il segretario Usa Kerry con l’inviato Onu de Mistura a Ginevra (Lapresse)

Usa: soluzione «nei prossimi giorni». Dopo avere incontrato De Mistura e i ministri degli Esteri di Arabia Saudita e Giordania, e avere parlato telefonicamente con il ministero degli Esteri russo Serghei Lavrov, Kerry ha dichiarato che Stati Uniti, Russia, altri Paesi e le Nazioni Unite stanno “lavorando intensamente per fermare le ostilità” e l’auspicio è di arrivare a una soluzione “in un giorno o due”. Gli obiettivi più urgenti sono la cessazione delle ostilità, dopo il fallimento di fatto della tregua proclamata a febbraio, e la realizzazione di corridoi umanitari per far arrivare gli aiuti ed evacuare feriti e ammalati.

«Assad usa armi chimiche». Poco più di una settimana fa il regime di Assad avrebbe impiegato armi chimiche contro il Daesh a est di Damasco nonostante l’accordo del 2013 sul loro smantellamento. A lanciare l’accusa è il quotidiano israeliano Haaretz il quale precisa che il regime ha usato probabilmente il gas sarin dopo che i jihadisti hanno attaccato due basi dell’aviazione siriana considerate risorse militari vitali.

© riproduzione riservata

 

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/siria-kerry-conflitto-fuori-controllo-aleppo-bomba.aspx