Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
22 Settembre 2016

SIRIA – (22 Settembre 2016)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Il conflitto in Siria

Aleppo in fiamme, negoziati in stallo

 

22 settembre 2016

 
 

Bombe sul quartiere Bustan al-Qasr ad Aleppo (Ansa web)

 

 

​​

Una pioggia martellante di razzi e bombe sganciati da aerei hanno appiccato un immenso incendio a ciò che resta di Aleppo, una volta la seconda città della Siria. Nuovo sfregio proprio mentre sono in corso ennesimi sforzi per riuscire a ristabilire il cessate il fuoco concordato fra Russia e Usa ma di fatto mai rispettato fino in fondo. In fiamme le strade del quartiere Bustan al-Qasr dove gli aerei hanno sganciato bombe incendiarie al fosforo. Si contano almeno sette morti tra cui 3 bambini. I vertici diplomatici di Usa e Russia si vedranno in serata a New York a margine dei lavori dell’Assemblea generale Onu.

AIUTI BLOCCATI IN TURCHIA. Gli aiuti alimentari destinati ad Aleppo est, nelle mani dei ribelli, e bloccati al confine siriano dalla scorse settimana, scadranno lunedì. Lo ha detto l’Onu chiedendo alle autorità di Damasco di autorizzare le consegne. “Quaranta camion sono fermi al confine turco-siriano” ha detto il capo della task force umanitaria per la Siria, Jan Egeland. “Gli autisti dormono al confine, lo fanno da una settimana, perciò per favore presidente Assad, faccia la sua parte per consentirci di arrivare ad Aleppo est e alle altre aree assediate” ha detto Egeland. Intanto L’Onu oggi un convoglio umanitario si è diretto verso un’area assediata nella zona di Damasco, segnando la fine della sospensione degli aiuti decretata in seguito all’attacco di lunedì in cui sono morti una ventina di operatori. Abbiamo ripreso gli invii sulla base di un imperativo umanitario”, ha spiegato il portavoce dell’agenzia umanitaria Onu, Jens Laerke.

ASSAD: LA GUERRA CONTINUERA’. In un’intervista esclusiva all’agenzia Ap, il presidente siriano Bashar al Assad è tornato sul bombardamento compiuto, e ammesso, dalla Coalizione internazionale a guida Usa sabato su una base delle forze siriane nella provincia orientale di Dayr az Zor, che ha provocato oltre 60 morti. Per lui l’attacco è stato “sicuramente intenzionale” e ha avuto lo scopo di fare fallire il cessate il fuoco. Accuse “ridicole”, le ha definite il portavoce del Dipartimento di Stato John Kirby. Assad ha detto anche che la guerra “si trascinerà” ancora per un periodo indefinito di tempo, addossandone la responsabilità ai Paesi che appoggiano i ribelli: gli Usa, l’Arabia Saudita, la Turchia e il Qatar.

PROSEGUONO I NEGOZIATI USA-RUSSIA. A New York dov’è in corso l’Assemblea generale dell’Onu il segretario di Stato americano, John Kerry, e il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, hanno avuto un faccia a faccia per parlare della crisi siriana. Mercoledì Kerry aveva chiesto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu che la Russia facesse pressioni su Damasco affinché tenesse a terra i suoi caccia. Lavrov aveva risposto che non ci sarebbero stati “altre pause unilaterali”, sostenendo che la tregua era stata usata dai ribelli per riorganizzarsi. “Non vi è un’alternativa” all’accordo tra Russia e Usa sulla soluzione della crisi in Siria, ma le possibilità della sua attuazione “sono diminuite” ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo, Serghei Riabkov, che ha definito “non praticabile” la proposta di una sorta di no fly zone in alcune aree chiave della Siria.

ANALISI Ecco perché la no-fly zone non verrà mai attuata di Francesco Palmas

SOLDATI TURCHI AL CONFINE. Ankara sembra prepararsi a un intervento più consistente nel nord della Siria, preparando circa 41.000 soldati. Lo riporta il quotidiano turco filogovernativo Yeni Safak. A spingere in questa direzione è il timore che le forze dell’Esercito libero siriano si rivelino insufficienti a controllare l’area liberata dal Daesh, una volta che l’operazione militare Scudo dell’Eufrate si spingerà ancora più a ovest per liberare la città di al-Bab. I 41mila militari turchi costituirebbero una sorta di piano B, legato anche alle informazioni che vorrebbero al-Bab difesa da 4mila jihadisti, mentre i combattenti dell’Els sarebbero non più di 1.800.

© riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/siria-aleppo-raid-bombe-fosforo-onu-aiuti.aspx