Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
4 Aprile 2017

SIRIA – (4 Aprile 2017)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Siria. «Attacco con il gas a Idlib, oltre 50 morti». Parigi chiede intervento dell’Onu


Redazione Internet martedì 4 aprile 2017
 
La denuncia dell’Osservatorio per i diritti umani. L’organizzazione di opposizione Edlib Media Center posta sui social immagini-choc dei soccorsi. Ma l’esercito siriano smentisce: mai usato i gas
 
Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center, mostra una vittima del sospetto attacco chimico all'ospedale di Khan Sheikhoun

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center, mostra una vittima del sospetto attacco chimico all’ospedale di Khan Sheikhoun

Sarebbero almeno 58, tra cui 11 bambini, i morti in un raid aereo avvenuto oggi in Siria con il sospetto uso di gas, secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). L’ong con sede a Londra, citando fonti mediche, ha aggiunto che il bilancio potrebbe aggravarsi perché vi sono anche 160 feriti o intossicati, alcuni dei quali in gravi condizioni. Secondo il sito della tv araba al-Arabiya, che cita la Direzione sanitaria di Idlib, i morti sarebbero addirittura 100 e i feriti 400. Non si tratterebbe di gas sarin, come affermato dal sito di notizie vicino all’opposizione Shaam, ma di gas sarin, comunque vietato a livello internazionale.L’attacco sarebbe avvenuto a Khan Sheikhun, nella provincia nord-occidentale di Idlib, in mano ad insorti e qaedisti dell’organizzazione Fatah al Sham (ex Fronte al Nusra).

 

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

 

Ad aggravare la situazione è poi intervenuto un altro bombardamento; un razzo si è schiantato sull’ospedale in cui i medici stanno curando le vittime, distruggendo parte dell’edificio. Lo ha riferito un corrispondente dell’agenzia Afp.

Una fonte dell’esercito siriano ha negato però che le forze governative abbiano usato armi chimiche e ha affermato che l’esercito “non usa e non ha usato” armi di questo tipo. La fonte ha aggiunto che l’esercito non le usa, “nel passato e nemmeno nel futuro, prima di tutto perché non le ha”. Un’indagine congiunta di Nazioni Unite e Osservatorio sulle armi chimiche in precedenza aveva accusato il governo di Damasco di attacchi con gas tossici. Damasco ha ripetutamente negato l’uso di tali armi nella guerra civile.

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

 

Sui social network gli attivisti hanno postato immagini drammatiche che mostrano i volontari della Protezione civile, i cosiddetti Caschi bianchì siriani, che soccorrono i feriti stesi a terra lavandoli con i tubi dell’acqua. In un altro video si vedono alcuni bambini morti. Impossibile stabilire la veridicità delle immagini, che hanno fatto il giro del mondo.

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

 

Il ministro degli Esteri della Francia, Jean-Marc Ayrault, ha chiesto un incontro di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. “Condanno questo atto disgustoso”, ha detto Ayrault, sottolineando che queste azioni gravi “minacciano la sicurezza internazionale”.

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

Un frame del video postato dal gruppo anti-governativo siriano Edlib Media Center

 

I presidenti di Turchia e Russia, Recep Tayyip Erdogan e Vladimir Putin, hanno discusso in una telefonata del raid aereo. Lo riferiscono fonti presidenziali di Ankara, secondo cui “Erdogan ha detto che un tale attacco disumano è inaccettabile“. I due leader hanno inoltre ribadito l’importanza del mantenimento della tregua in Siria e del rafforzamento della cooperazione antiterrorismo.

Su richiesta degli insorti locali filo-Ankara, la Turchia ha inoltre inviato nella zona dell’attacco 30 ambulanze dalla provincia frontaliera di Hatay, secondo quanto riferito dalle autorità locali, citate da Anadolu. Alcuni dei feriti saranno trasportati in ospedali sul territorio turco.

© Riproduzione riservata

Il testo originale e completo si trova su:

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/siria-attacco-con-il-gas-idlib