Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Centro
Federico Peirone

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
18 Luglio 2014

TUNISIA – ( 18 Luglio )

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Attentato in Tunisia: tre giorni di lutto nazionale

Catena montuosa Jabel Chaambi – Sudovest della Tunisia

18/07/2014

 

 

 

In Tunisia secondo giorno di lutto nazionale, dopo l’attacco dei terroristi islamici, mercoledì, nella zona del Monte Chaambi, in cui hanno perso la vita 14 militari. La lotta al terrorismo rimane “una delle priorità del governo”, ha ribadito il premier Mehdi Joma. Massimiliano Menichetti ha intervistato il prof. Roberto Tottoli dell’Università Orientale di Napoli e coautore del libro, pubblicato da Editrice La Scuola, “L’Autunno delle primavere arabe”:

R. – La comunità tunisina è una società effettivamente molto forte rispetto ad altri Paesi, molto più aperta rispetto al passato, ma vive anche queste contraddizioni. In Tunisia – che è forse il Paese con una stratificazione laica più significativa – queste forze diverse, religiose, salafite ed anche jihadiste cominciano ad emergere e questo recente attentato lascia presagire, in qualche modo, ad una risalita, anche qui e nelle zone dell’Africa subsahariana, della grande crisi jihadista.

D. – Molti gli scenari drammatici aperti in questo momento: in Medio Oriente, Iraq, Siria, Afghanistan, anche la Libia vive una condizione di destabilizzazione e non riesce a pacificarsi. C’è un filo rosso in tutte queste crisi?

R. – C’è il filo rosso dell’opposizione ispirata a principi religiosi, ma in genere questi gruppi non sono tra loro coordinati, al di là di quella grande “etichetta” che è Al Qaeda, ma che non garantisce alcun coordinamento logistico se non un nome comune sotto il quale richiamarsi. L’orizzonte delle forze sul campo sembra molto più frammentato che coordinato. Certo esiste una matrice comune per molte di queste componenti.

D. – Il califfo Abu Bakr al-Baghdadi ha dichiarato, proprio pochi giorni fa, di voler restaurare il Califfato. Si è riferito ad una realtà risalente al tempo degli omayyadi, ovvero, con un’estensione che coprirebbe il Pakistan, il Medio Oriente, tutto il Maghreb sino ad arrivare in Spagna. È davvero un pericolo nell’immediato?

R. – Nell’immediato non credo. Praticamente tutte le componenti dell’islam, a parte pochi isolati, hanno respinto al mittente la pretesa: dai salafiti come Abu Muhammad al-Maqdisi, lo stesso Karadayi – tutte le componenti dell’islam sunnita più o meno moderato – hanno contestato legittimità, fondatezza, requisiti morali… Quindi nell’immediato, più che fare presa sui convertiti jihadisti sparsi singolarmente per il mondo, non credo che possa avere grande ricaduta. Certo, se sopravvivrà nel tempo – così come Al Qaeda è stata un’etichetta che ha coagulato alla lunga una serie di componenti sparse – potrebbe rivelarsi in qualche modo un veicolo in cui altre forze potrebbero appoggiarsi.

D. – Secondo lei le Nazioni Unite in questo momento hanno la forza, percorrendo vie di dialogo e di mediazione, di disinnescare tutte queste crisi in atto?

R. – Mi sembra molto difficile. Anche le vie percorse finora – quelle che hanno cercato sponde politiche in componenti locali – hanno dato scarso esito. Effettivamente, le crisi in molte regioni, da quella siriana o irachena, non lasciano intravedere per ora larghi spazi di intervento; del resto nemmeno i Paesi musulmani della regione sembrano voler contribuire, in qualche modo, a risolvere tale situazione. In questo ambito l’Europa, per posizione geografica, per interessi di vario tipo, dovrebbe impugnare un’azione politica volta alla pace, a partire dalla situazione palestinese e poi rivolgersi alle aree circostanti.

D. – Un’Europa, però, che dovrebbe essere più forte e più consapevole di se stessa…

R. – Sicuramente. Però la via è questa: guardare al Mediterraneo come possibile percorso di sviluppo futuro, di relazioni sociali, economiche e politiche. Quindi, il Mediterraneo dovrebbe essere il baricentro della politica estera e fornire un nuovo modo di vedere l’Europa, non come ora.

 

Il testo completo si trova su:

http://it.radiovaticana.va/news/2014/07/18/attentato_in_tunisia_tre_giorni_di_lutto_nazionale/1103035